La mamma di Valeria Solesin: "Terroristi non mi fanno paura"

·1 minuto per la lettura
Valeria Solesin (Photo: hp)
Valeria Solesin (Photo: hp)

“Sono persone di cui ho il massimo disprezzo, non più di questo: mi sono piuttosto indifferenti. Non mi fanno paura”. Così Luciana Milani, la madre di Valeria Solesin, vittima italiana alla strage del Bataclan, descrive le proprie sensazioni nei confronti dei terroristi responsabili degli attentati a Parigi del 13 novembre 2015, in un’intervista a Il Gazzettino, nel giorno dell’apertura del processo in Francia.

“Penso - afferma Milani - che sarà un processo miliare, e sono felice di come la Francia lo sta trattando, di come stia informando noi parti civili: è un fatto sostanziale e non solo di rispetto verso le vittime e i parenti”. La morte di Valeria ”è stato un attacco al modo di vivere occidentale. E’ stato un attacco all’essere cittadini, alla polis, alla comunità. Ma penso che il processo - continua la madre di Valeria - lascerà questo aspetto sullo sfondo per radicarsi sui fatti e su come sia stato possibile succedesse”.

Dopo quel lutto “sia io che mio figlio e mio marito - racconta - abbiamo cercato di essere quelli di prima, speriamo di esserci riusciti. Nessuno ci ha lasciato soli, dalla città alle istituzioni. Poi però, ci sono i momenti in cui sei da solo”, conclude.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli