La meraviglia della piramide di Cheope con la realtà virtuale

featured 1619153
featured 1619153

Milano, 15 giu. (askanews) – Camminare nei cunicoli inaccessibili della piramide di Cheope, una delle sette meraviglie del mondo antico, navigare con una piroga lungo il Nilo, assistere all’imbalsamazione di un faraone. A Parigi, all’Istituto del mondo arabo, una mostra altamente immersiva, “L’orizzonte di Cheope” offre viaggio nel tempo nell’antico Egitto grazie ai visori per la realtà virtuale.

“Quello che cerchiamo di fare è offrire cose che non possiamo fare nella realtà – spiega Fabien Barati co-fondatore di Emissive, che ha curato la parte digitale – Nel caso di ‘L’orizzonte di Cheope’ si accede a zone proibite al pubblico, zone in cui è impossibile andare all’interno della piramide per avere un’altra visione della sua architettura e poi è come viaggiare nel tempo, viaggiare fino a 4.500 anni fa per scoprire l’altopiano di Giza”.

Ad aumentare la sensazione di trovarsi in quei luoghi persi nel tempo il grande spazio di centinaia di metri quadri in cui i visitatori possono camminare liberamente mentre vivono nella realtà virtuale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli