La metà dei nuovi casi nella provincia fiamminga

Coronavirus in Belgio

I casi di Coronavirus in Belgio hanno spinto la provincia di Anversa a mettere la mascherina obbligatoria ovunque e ad aggiungere il coprifuoco notturno. Due decisioni molto drastiche e dovute all’improvviso aumento dei contagi da Covid. Le norme che erano in vigore fino ad ora probabilmente non sono bastate e proprio per questo motivo si è deciso di aggiungere qualche restrizione, in modo da riuscire a contenere realmente l’aumento di contagi da Coronavirus in tutta la provincia.

Coronavirus in Belgio

Il Coronavirus in Belgio è in aumento. Le autorità belghe hanno ordinato il divieto di spostamenti tra le 23.30 e le 6 del mattino, ad eccezione di attività essenziali, come il lavoro. La mascherina sarà obbligatoria in tutti i luoghi pubblici e dove non può essere mantenuto il distanziamento fisico di 1.5 metri. Sono, inoltre, vietati tutti gli sport di contatto, mentre quelli di squadra sono autorizzati solo per i minorenni. Anche lo smart working è diventato obbligatorio, in tutti i tipi di lavoro che lo permettono.

In Belgio la scorsa settimana c’è stata una media di 311,4 casi al giorno, ovvero un aumento del 69% rispetto alla settimana precedente. “La situazione epidemiologica nella regione di Anversa ci obbliga sfortunatamente ad adottare delle misure supplementari” ha dichiarato la governatrice Berx, che ha invitato i cittadini a rimanere a casa il più possibile e ai visitatori di non andare nel suo paese. Visto il coprifuoco notturno, anche bar e ristoranti dovranno chiudere alle 23. Inoltre, devono essere rispettate rigorosamente tutte le altre restrizioni aggiuntive come la mascherina, lo smart working e gli sport di contatto.

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.