“La mia bellissima Ylenia”, il post commovente di Romina Power

Ylenia Carrisi

“La mia bellissima Ylenia con Muffy molto lontano e molto tempo fa, quando le estati erano lunghe e gioiose”. E’ con questo commento che Romina Power ricorda la figlia scomparsa a cavallo del 31 dicembre 1993 ed il 1 gennaio 2014 in Louisiana (Stati Uniti).

Ylenia Carrisi morta o viva?

L’ex moglie di Albano Carrisi ha postato infatti su Instagram una foto di Ylenia. L’artista in questi lunghi anni non ha mai perso la speranza di poter riabbracciare un giorno la figlia, poiché non crede assolutamente che sia morta, tantomeno nel fiume Mississippi come sostenuto da un testimone, Albert Cordova, morto nel 2006.

Al contrario Al Bano già nel 2005 si è dichiarato convinto del racconto della guardia giurata in quanto “non ci sono altre piste da seguire”, come scritto anche nel libro autobiografico “È la mia vita”. Il fratello di Ylenia, Yari, la pensa invece come la madre.

Di tanto in tanto sui media escono ricostruzioni più o meno plausibili sulla sorte della ragazza, e nel 2011 in un’intervista rilasciata a Canale 5 Yari ha confessato: “Non credo alle storie raccontate dai giornali, ma sono aperto, credo ancora che Ylenia possa essere in giro. Non credo per niente a quella storia che si sono inventati del fiume che fa buchi da tutte le parti”.

La pista del serial killer

A far discutere infine le dichiarazioni nel 2015 del detective Dennis Haley, il quale ha sostenuto che l’assassinio seriale Keith Hunter Jesperson (noto come Happy Face Killer) abbia riconosciuto Ylenia come una delle sue vittime, una giovane donna mai identificata e che si faceva chiamare Suzanne (nome che spesso la figlia di Albano e Romina usava al posto del suo). Il test del DNA ha dato però esito negativo.