La Milanesiana, i prossimi eventi

La Milanesiana appuntamenti
La Milanesiana appuntamenti

La Milanesiana, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, torna con nuovi appuntamenti da non perdere.

La Milanesiana, i nuovi appuntamenti

Venerdì 10 giugno a Milano ci saranno due appuntamenti:

  • Alle 12.00 alla Fondazione AEM (Piazza Po, 3, Milano) si terrà l’evento intitolato “La Città” che vedrà Alberto Martinelli, Pierfrancesco Maran, Rocco Giorgianni, Barbara Meggetto e Andrée Ruth Shammah dialogare sul tema della città, con un particolare focus sulle periferie e l’inclusività;

  • Alle 21.00 al Cinema Mexico si terrà l’appuntamento “Canto Popolare”. La serata prenderà il via con le letture di Pacifico, Luca Simonetta Sandri e Piero Colaprico. A seguire, ci sarà il concerto de il Coro delle Mondine di Novi e i Flexus.

La Milanesiana appuntamenti
La Milanesiana appuntamenti

Ospite Abdulrazak Gurnah, premio Nobel della Letteratura 2021

Letteratura, musica, cinema, scienza, arte, filosofia, teatro, diritto, economia e sport si fondono ne La Milanesiana. Dopo l’incontro di venerdì 10, lunedì 13 giugno al Piccolo Teatro Grassi di Milano si terrà ”Strane voci”, evento organizzato in collaborazione con Bookcity e il Comune di Milano.

In apertura, saluti istituzionali di Dario Franceschini (Ministro per i beni e le attività culturali), Giuseppe Sala (Sindaco di Milano), Tommaso Sacchi (Assessore alla Cultura di Milano), Piergaetano Marchetti(Presidente Bookcity Milano).

La speciale serata prende il via con Abdulrazak Gurnah, unica tappa italiana e prima apparizione pubblica dopo la vittoria del Premio Nobel per la Letteratura 2021. Lo scrittore leggerà in anteprima alcuni passaggi tratti dal suo nuovo romanzo “Voci in fuga”, in uscita in libreria e negli store digitali per La nave di Teseo dal 14 giugno, e dialogherà con Paolo Giordano (Premio Strega 2008). Nel corso della serata ad Abdulrazak Gurnah verrà consegnato il Sigillo della città.

A seguire, il concerto “Change!” di Uri Caine, pianista e compositore tra i più apprezzati degli ultimi decenni. L’artista guiderà il pubblico lungo un percorso che oscilla tra la classica, jazz e improvvisazione, in cui la musica si offre come un unicum senza fratture né frontiere, uno spettacolo nel quale dialogano Beethoven e Thelonious Monk, il Tin Pan Alley e Gustav Mahler, Richard Wagner e George Gershwin, lo swing e Giuseppe Verdi, passando per Bach e i Beatles. “Change!” è anche il nome del brano che Uri Caine scrisse per celebrare Octavius Catto, attivista impegnato nella lotta per i diritti civili e fautore dell’integrazione della popolazione nera nell’America post-guerra civile.

L’evento inizia alle ore 21.00, l’ingresso è gratuito su prenotazione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli