La Milano fashion week parte il 17, scommette sulla sostenibilità

Mch

Milano, 5 set. (askanews) - Luci accese sulle passerelle di Milano dal 17 al 23 settembre per la settimana della moda femminile che metterà in scena le collezioni primavera-estate del 2020. In agenda ci sono 58 sfilate e 110 presentazioni per 170 collezioni che saranno mostrate al pubblico. Saranno 51 gli eventi in calendario e tra questi 15 hanno ottenuto il patrocinio di Palazzo Marino: "Lavoriamo affinché la Fashion Week sia un appuntamento diffuso e condiviso con i cittadini e tutti gli amanti della moda", ha detto l'assessore al Lavoro del comune di Milano, Cristina Tajani.

Una settimana della moda milanese che punta a far crescere l'intera filiera "che oggi più che mai - ha sottolineato Tajani - deve essere sostenibile ed etica, nel rispetto dell'ambiente e delle condizioni dei lavoratori". Un impegno portato avanti con il Green Carpet Award, giunto alla sua terza edizione, e condiviso con la Camera nazionale della moda italiana. "La sostenibilità e l'internazionalizzazione sono due valori fondanti di questa edizione di Milano Moda Donna - ha detto il presidente di Cnmi, Carlo Capasa - ed è fondamentale la collaborazione con il comune di Milano e le istituzioni all'insegna di valori condivisi, primo fra tutti la sostenibilità", ha sottolineato Capasa.

Dopo la giornata inaugurale del 17 settembre, le sfilate iniziano mercoledì 18 settembre con 58 appuntamenti in calendario. Per la prima volta a Milano sfileranno Peter Pilotto, Boss, Simona Marziali-MRZ, vincitrice di Who's on Next 2018, DROMe e Shuting Qiu. Tra i momenti clou della settimana c'è il gran galà del Green Carpet Fashion Awards Italia, domenica 22 settembre alla Scala, un evento per celebrare i valori della moda sostenibile e l'impegno del sistema moda.