La ministra dell’Istruzione ha ribadito che gli italiani devono fare dei sacrifici durante le feste

·1 minuto per la lettura
Azzolina scuola
Azzolina scuola

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, in merito ai comportamenti anti Covid da tenere a Natale, ha dichiarato che i giornate delle feste saranno determinati per valutare la riapertura delle Scuola a gennaio. “Digitale è forse la parola dell’anno – ribadisce intanto la Azzolina -. Oggi tutti sanno cos’è la didattica integrata, nata in emergenza ma in grado di rinnovare la didattica. Sono molto orgogliosa dei progetti digitali svolti dalle scuole in questo periodo, nonostante la pandemia”.

Covid, ” a gennaio riapre la scuola”

La ministra dell’istruzione poi continua: “Forse quest’anno non avremo un ‘Natale digitale’ giocoso come quelli passati, ma anche questo ha un alto valore educativo grazie al lavoro fatto dai nostri insegnanti con la didattica integrata”. La Azzolina prosegue parlando anche delle festività natalizie le quali che “in questo periodo dobbiamo essere ancora più responsabili anche per far tornare tutti gli studenti in classe il 7 gennaio“.

Gli esperti tuttavia ci vanno più piano. Gianni Rezza, direttore della Prevenzione del Ministero della Salute, ha detto che “è ancora presto per prendere una decisione in questo senso. Prima dobbiamo tenere bassa la circolazione virale. l’Rt al momento è intorno a 0,8 ma l’incidenza di nuovi casi è ancora elevata, il che produce comunque nuovi casi di infezione. Se non abbassiamo l’incidenza è difficile parlare di ripresa completa delle attività, anche scolastiche”.

La Azzolina comunque ha deciso di dare l’esempio: “Trascorrerò il Natale con la persona che amo di più al mondo, mia sorella. Staremo a casa. Dovete essere fiduciosi, questo è un Natale particolare, ma il prossimo potremo tornare a stringerci tutti di nuovo”.