La ministra Lucia Azzolina ha annunciato nuove assunzioni nella scuola

·2 minuto per la lettura
Scuola: da settembre altri 50 mila assunti
Scuola: da settembre altri 50 mila assunti

Per affrontare l’emergenza Covid, la ministra della Pubblica Istruzione, Lucia Azzolina, ha annunciato che dal mese di settembre il personale scolastico aumenta: ci saranno altri 50 mila assunti fra docenti e amministrativi. Ci saranno anche meno alunni per ogni classe e per la fornitura dei 2,4 milioni di banchi monoposto, si sono fatte avanti 14 aziende italiane e straniere.

Altri 50 mila assunti nella scuola

La ministra Azzolina ha firmato l’ordinanza che stabilisce i criteri di riparto delle risorse per l’organico aggiuntivo previste dal Decreto rilancio. I 977 milioni già a bilancio saranno assegnati per il 50 per cento sulla base del numero degli alunni presenti sul territorio e per il 50 per cento secondo le richieste avanzate dagli Uffici scolastici regionali. Alle 50 mila assunzioni straordinarie, si aggiungono le 80 mila programmate dal ministero che entreranno in ruolo grazie ai prossimi concorsi. È previsto pure un ulteriore incremento di personale attraverso l’uso di 1,3 miliardi che deriveranno dallo scostamento di bilancio. Con queste parole si è espressa la ministra Azzolina: “Potremo finalmente cominciare a superare quelle norme, nate in epoca di tagli feroci alla scuola, che hanno portato al sovraffollamento delle classi. Con il decreto rilancio abbiamo infatti previsto la possibilità di derogare al numero di alunni per classe per ridurlo progressivamente. Un cammino che dovremo poi proseguire anche oltre l’emergenza”.

2,4 milioni di banchi monoposto

Il commissario straordinario Domenico Arcuri ha comunicato che sono state presentate 14 offerte per la gara europea relativa alla fornitura dei banchi monoposto in vista della riapertura del 14 settembre. E dopo la valutazione delle varie offerte la sottoscrizione dei contratti avverrà entro il 12 agosto. Per l’avvio in sicurezza a settembre le scuole hanno chiesto 2,4 milioni di banchi. Oltre 750 mila saranno forniti alle scuole primarie. Altri 1,7 milioni sono stati i banchi richiesti per le secondarie, di cui oltre uno su quattro di tipo innovativo.