##La misteriosa sorella di Kim verso leadership? Esperti divisi -5-

Mos

Roma, 19 giu. (askanews) - A sostenere queste valutazioni, alcuni media sudcoreani. E anche Bradley Martin - che ha scritto il monumentale saggio "Under the Loving Care of the Fatherly Leader: North Korea and the Kim Dynasty" - intervenuto su Asia Times con una sua analisi piuttosto possibilista. In particolare, Martin ha segnalato come nelle ultime dichiarazioni anti-Seoul, la sorella minore di Kim Jong Un ha spesso usato la prima persona ("Esercitando il MIO potere autorizzato dal Leader Supremo, dal Nostro Partito e dallo Stato, HO DATO istruzioni...", ha detto Kim Yo Jong in una di queste dichiarazioni), cosa che fa pensare effettivamente a un linguaggio "da Centro del Partito".

Tutto chiaro? Non proprio. Oggi NK News, rispettato sito che si occupa di questioni nordcoreane, ospita un commento di Fyodor Tertiskyi, ricercatore della Kookmin University di Seoul e autore di "North Korea Before Kim Il Sung" nel quale smonta tutto il ragionamento, ripartendo proprio dalla formula utilizzata dal Rodong sinmun. Pur ammettendo che la stella di Kim Yo Jong in salita, Tartiskyi afferma innanzitutto che la formula usata - "Dang Joongang" - andrebbe tradotta non come "Centro del Partito" ma "Centrale del Partito". E starebbe a indicare n pi e n meno che il Comitato centrale del Partito dei lavoratori coreani. (Segue)