La moglie di Puzzer: "Niente cene fuori o sfizi: l'obiettivo comune richiede sacrifici"

·1 minuto per la lettura
- (Photo: ansa - fb)
- (Photo: ansa - fb)

“I sacrifici non mancano. A cena fuori non si va. E peraltro non ci andremmo comunque visto che è obbligatorio esibire il Green Pass”. A parlare, sulle pagine del Messaggero Veneto, è Matia Cecada, la moglie di Stefano Puzzer, l’ex portavoce del Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste.

La donna, in passato occupata nel settore ristorazione e negli asili comunali, attualmente è disoccupata e afferma che “far quadrare i conti non è semplice”.

“Non ti puoi togliere gli sfizi che ti toglievi prima ovviamente, ma si va avanti perché c’è un obiettivo comune”.

Un obiettivo che unisce marito e moglie, che vengono appoggiati anche dal figlio di 11 anni. La donna racconta:

“Lui appoggia in toto questa mobilitazione: ne parla tranquillamente con compagni di classe e professori [...] Esiste una cosa che si chiama famiglia, un’unione d’intenti”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli