La moglie di Strada: "Il 'rifugio' in Normandia, i libri che mi leggeva: gli ultimi giorni con Gino"

·2 minuto per la lettura
- (Photo: Laura Lezza via Getty Images)
- (Photo: Laura Lezza via Getty Images)

“Gino ha lasciato un vuoto enorme nel privato e nel lavoro. Ma ci ha lasciato anche un grande pieno, fatto di tanti progetti”. A parlare sulle pagine del Corriere della Sera è Simonetta Gola, 50 anni, diventata moglie di Gino Strada nel giugno 2021, un paio di mesi prima che il medico e attivista si spegnesse.

Accanto a lui da tanti anni, prima come responsabile della comunicazione di Emergency e poi come compagna, la donna parla della scomparsa del marito, avvenuta lo scorso 13 agosto, proprio nei momenti più tragici della crisi afghana.

“La prima volta che [...] Gino [...] ha visitato il Paese era il 1998, lo prendevano per pazzo quando diceva che voleva aprire un ospedale lì per curare la gente. È finita che ne ha costruiti quattro. L’ultima è stato vent’anni esatti dopo. Era rimasto molto impressionato da come fosse cambiato il Paese. Di come i civili fossero ancora così esposti ad attacchi e attentati. E di come il conflitto in Afghanistan fosse a tutti gli effetti una guerra di aggressione. Per questo non gli piaceva l’espressione “siamo in Afghanistan”, riferita alla presenza militare degli italiani”.

Simonetta Gola racconta che tra gli ultimi progetti di Strada, nel febbraio 2020, c’è stato un loro viaggio a Hiroshima per raccogliere materiali per un centro culturale contro la guerra a Venezia. Alla fine avevano cercato rifugio in Normandia, un luogo che Strada amava molto.

Alla domanda “di cosa parlava più volentieri negli ultimi mesi?”, Simonetta risponde che Gino “aveva sempre tanta voglia di fare, di vedere gli amici, dopo la chiusura dei mesi precedenti a causa della pandemia. Era una persona divertente, ironica, tagliente che amava la vita”. E ancora:

“La sera mi leggeva la storia del Terzo Reich di Shirer, perché non si capacitava non l’avessi letto. Due tomoni. Io mi addormentavo. Ma lui non si rassegnava e andava avanti. Era così Gino. Andava sempre avanti. Anche per me, per noi”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli