"La morte di Kobe Bryant conta meno del calcio in Italia". Belinelli e Pellegrini contro la stampa

HuffPost

“Il problema è che i giornali sportivi in Italia NON SONO giornali sportivi. Vergognatevi”. Lo sfogo di Marco Belinelli, stella italiana del basket emigrata in NBA (più precisamente a San Antonio, in Texas), nei confronti della stampa italiana è duro. La loro colpa, secondo Belinelli, è di aver subordinato la morte di Kobe Bryant alle notizie del calcio di casa nostra, a differenza della stampa estera che invece ha dedicato intere copertine all’ex stella dei Los Angeles Lakers.

Dello stesso avviso anche un’altra sportiva italiana, Federica Pellegrini. Attraverso il suo account Instagram, la pluricampionessa di nuoto ha fatto sentire tutta la sua indignazione verso la poca attenzione data a Bryant: “Tutto il mondo rende Onore ad un Dio dello Sport!! E noi?!?!.....Al netto dell’importanza che ha il calcio nel nostro Bel Paese... tutto ciò è assolutamente sbagliato!! Lo Sport per me è Altro!! Soprattutto oggi!”. Un pensiero che viene condiviso da molti utenti, a quanto pare.

Continua a leggere su HuffPost

  • Droga, la 'Iena' Viviani: "Se Salvini lo chiede pronti a fargli test"
    Notizie
    Adnkronos

    Droga, la 'Iena' Viviani: "Se Salvini lo chiede pronti a fargli test"

    "Sottoponemmo a un test chi usciva dal Parlamento per vedere quanto fosse diffuso l'uso di sostanze stupefacenti da parte dei nostri politici. Risultò che uno su tre faceva uso di droga". Così la 'iena' Matteo Viviani, interpellato dall'Adnkronos, ricorda il suo servizio andato in onda anni fa sul test antidroga per i politici. "Se Salvini ce lo chiede magari possiamo decidere di andare a fargli il test...", aggiunge Viviani riferendosi alla dichiarazione del leader leghista da Pesaro ("avevano proposto di fare il test antidroga ai parlamentari, io posso farlo anche domani mattina", ha detto). Ma secondo la Iena sarebbe positivo solo un test "a chi non si offre volontario".  Ripercorrendo infatti il blitz delle Iene in Parlamento per il test antidroga, Viviani ricorda che all'indomani "andammo da Carlo Giovanardi che propose un test ai politici ma volontario. Inutile dire che sarebbe servito a ben poco, visto che a un test del genere uno può scegliere di sottrarvisi. E infatti tutto finì nel dimenticatoio"  "Comunque - sottolinea Viviani -, al di là di puntare il dito nei confronti dei parlamentari, i primi a doversi astenere dal consumo di stupefacenti visto il loro ruolo - sarebbe semplicemente vergognoso venire a conoscenza di un loro utilizzo -, auspico una vera lotta al droga allargando il campo all'intera società: nel 2020 non possiamo ancora assistere a ragazzini che muoiono per della 'roba' che si comprano nel parco vicino casa".

  • Coronavirus, "mondo non deve sapere": l'ordine ai medici di Wuhan
    Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus, "mondo non deve sapere": l'ordine ai medici di Wuhan

    Vietato divulgare. Niente. Nulla deve uscire dal Paese, su canali ufficiali e non ufficiali. Il mondo non deve sapere. Suonava così l'ordine perentorio partito da una email, datata 2 gennaio, dall’Istituto di Virologia di Wuhan che metteva in allarme la comunità scientifica cinese sul nuovo virus che si stava diffondendo nella regione dell'Hubei. "Il comitato sanitario nazionale richiede esplicitamente che tutti i dati sperimentali dei test, i risultati e le conclusioni relative a questo virus non siano pubblicati su mezzi di comunicazione autonomi", si legge nel messaggio, secondo quanto ricostruisce oggi 'La Stampa'.  E ancora, "non devono essere divulgati ai media, compresi quelli ufficiali e le organizzazioni con cui collaborano". Si chiede quindi di "rispettare rigorosamente quanto richiesto", e poi si fanno gli auguri. La direttrice dell’Istituto, Wang Yan Yi, la manda ai vari dipartimenti di virologia e ricerca dopo gli ordini di Pechino.  Le prime avvisaglie - si ricorda - saranno di venti giorni dopo, quando l’epidemia arriva fino negli Usa, con un 35enne americano, che aveva fatto visita ai suoi familiari a Wuhan. Torna a casa malato: il 20 gennaio, in una clinica della contea di Snohomish nello Stato di Washington, i sanitari provano a trattare il paziente con metodi tradizionali, ma lui peggiora. Il 27 gennaio, la decisione di somministrargli un nuovo farmaco ancora in via di sperimentazione e non ancora approvato dalla Fda, il 'remdesivir', un antivirale concepito per contrastare il virus dell’Ebola. Così, le condizioni del 35enne migliorano, il 30 gennaio i sintomi spariscono. I risultati vengono pubblicati sul New England Journal of Medicine il giorno successivo.

  • Alessandro Di Battista torna dall’Iran: “Riprendo alle mie condizioni”
    Notizie
    notizie.it

    Alessandro Di Battista torna dall’Iran: “Riprendo alle mie condizioni”

    Tramite una foto pubblicata sui social network, Alessandro Di Battista ha annunciato il suo rientro dall'Iran dove si trovava dallo scorso gennaio.

  • Pomeriggio 5, ragazza aggredita dalla mucca: “Ho visto tutto nero”
    Notizie
    notizie.it

    Pomeriggio 5, ragazza aggredita dalla mucca: “Ho visto tutto nero”

    In collegamento con lo studio di Pomeriggio Cinque, Chiara è la 17enne che è stata aggredita da una mucca mentre si recava a scuola

  • Gelato alla mandorla fior fiore Coop ritirato dal mercato
    Notizie
    notizie.it

    Gelato alla mandorla fior fiore Coop ritirato dal mercato

    Il Ministero ha ritirato delle vaschette di gelato alla mandorla fior fiore Coop da 300 grammi ognuna: grave rischio per intolleranti e allergici.

  • Turbolenza su volo per Bruxelles: urla, preghiere e pianti tra i passeggeri
    Notizie
    notizie.it

    Turbolenza su volo per Bruxelles: urla, preghiere e pianti tra i passeggeri

    Paura a bordo di un volo per Bruxelles: a causa di una turbolenza i passeggeri hanno cominciato a urlare, pregare e piangere.

  • Elisabetta Gregoraci in intimo fa impazzire i fan: la foto
    Notizie
    notizie.it

    Elisabetta Gregoraci in intimo fa impazzire i fan: la foto

    Elisabetta Gregoraci ha sedotto i fan con un sensuale scatto in lingerie e tacchi a spillo: la foto ha infiammato i social.

  • Karina Cascella e Salvatore Angelucci perché si sono lasciati?
    Notizie
    notizie.it

    Karina Cascella e Salvatore Angelucci perché si sono lasciati?

    Karina Cascella ha rivelato perché lei e Salvatore Angelucci, padre di sua figlia Ginevra, hanno deciso di lasciarsi.

  • Asia Nuccetelli sempre più irriconoscibile: la foto con dedica della Mosetti
    Notizie
    Funweek

    Asia Nuccetelli sempre più irriconoscibile: la foto con dedica della Mosetti

    A sorprendere è la foto postata dall'ex stella di Non è la Rai. Nello scatto Asia Nuccetelli appare trasformata rispetto al GF VIP

  • Omicidio Sacchi, i messaggi vocali: “Tranquillo, gli leviamo tutti i soldi”
    Notizie
    notizie.it

    Omicidio Sacchi, i messaggi vocali: “Tranquillo, gli leviamo tutti i soldi”

    Sul caso dell'omicidio di Luca Sacchi sono emersi dei messaggi vocali esclusivi di Paolo Pirino e Valerio del Grosso.

  • Al via l’abbattimento della Vela Verde di Scampia: “Cade un pregiudizio”
    Notizie
    notizie.it

    Al via l’abbattimento della Vela Verde di Scampia: “Cade un pregiudizio”

    Iniziate a Scampia le operazioni di abbattimento della Vela Verde. Il vicesindaco: "Giornata storica per tutto il Paese".

  • È morto Augusto Reina: imprenditore, sportivo e patron del Disaronno
    Notizie
    notizie.it

    È morto Augusto Reina: imprenditore, sportivo e patron del Disaronno

    Mercoledì 19 febbraio è morto Augusto Reina, il patron del Disaronno: aveva 80 anni.

  • Morte Flavio Bucci, il toccante ricordo di Barbara D’Urso sui social
    Notizie
    notizie.it

    Morte Flavio Bucci, il toccante ricordo di Barbara D’Urso sui social

    Anche Barbara D'Urso ha voluto ricordare con un messaggio sui social l'attore Flavio Bucci, la cui morte è avvenuta lo scorso martedì 18 febbraio.

  • Promozione Tesla Model 3, perché conviene e perché no
    Notizie
    motor1

    Promozione Tesla Model 3, perché conviene e perché no

    Prezzi interessanti su vetture già allestite e in pronta consegna entro marzo 2020, con possibilità di ecoincentivi e leasing

  • Brescia, un altro cadavere nella centrale idroelettrica di Prevalle
    Notizie
    notizie.it

    Brescia, un altro cadavere nella centrale idroelettrica di Prevalle

    La scorsa estate fu trovato nella centrale idroelettrica in provincia di Brescia anche il cadavere di Jessica Mantovani

  • Piemonte, da Commissione Ambiente ok a pdl su cinghiali
    Notizie
    Askanews

    Piemonte, da Commissione Ambiente ok a pdl su cinghiali

    Provvedimento proposto da Forza Italia

  • Notizie
    Askanews

    Carabiniere ucciso a Roma, legale indagato: errori nelle... -2-

    Roma, 21 feb. (askanews) - "Le trascrizioni presenti nell'informativa dei carabinieri sono state uscite prima della notifica del giudizio immediato alle parti. L'obbiettivo era quello di avvalorare la tesi dell'accusa, ovvero che Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjort fossero a conoscenza del fatto che il vicebrigadiere dei carabinieri, Mario Cerciello Rega e il carabiniere Andrea Varriale fossero appartenenti alle forze dell'ordine. L'audio complessivo, che produrremo in udienza, da una prova contraria. A favore della difesa". ...

  • Donna precipita da un palazzo a Varese: trasportata in ospedale
    Notizie
    notizie.it

    Donna precipita da un palazzo a Varese: trasportata in ospedale

    Sarebbe rimasta gravemente ferita la donna di 83 anni precipitata da un palazzo a Varese: è stata trasferita in codice rosso in ospedale.

  • Eros Ramazzotti: la nuova fidanzata è Valentina Bilbao? La smentita
    Notizie
    notizie.it

    Eros Ramazzotti: la nuova fidanzata è Valentina Bilbao? La smentita

    Eros Ramazzotti è stato sorpreso con Valentina Bilbao sotto il sole di Miami. I due stanno insieme?

  • Noleggio lungo termine auto usate: le offerte 2020
    Notizie
    notizie.it

    Noleggio lungo termine auto usate: le offerte 2020

    Tutti i vantaggi derivati dalla scelta di noleggiare a lungo termine un' automobile usata piuttosto che comprarne una: le offerte del 2020.

  • Notizie
    AGI

    Argentina e Venezuela, le bombe ad orologeria del Sudamerica

    Sono tornati in Argentina i tempi in cui le quotazioni della moneta veniva seguito minuto per minuto, quasi come se fosse una partita di calcio. Accadeva soltanto qualche anno fa, e in base alle fluttuazioni dei cambi, i cittadini giorno per giorno capivano il loro potere d'acquisto, e si regolavano di conseguenza.Incombe sul paese sudamericano l'incubo della speculazione: dopo la sconfitta di Macri il peso era vertiginosamente crollato e anche la vittoria di Fernandez dello scorso ottobre non riesce ancora a far decollare la ripresa del paese sudamericano: per il Governo, ci vuole tempo, bisogna però capire se i creditori saranno comprensivi.L'Argentina si trova in recessione dal 2018, in due anni ha perso oltre il 6% di Pil, l'inflazione viaggia su due cifre ed è ora al 40%, e anche la disoccupazione è a livelli record. Per non parlare del tasso di povertà che si avvicina al 40%. In questa situazione l'Fmi ha decretato ieri che il debito non è più sostenibile, il Paese è sull'orlo del default e soltanto all'istituto di Washington deve la bellezza di oltre 57 miliardi di dollari.Ma è in particolare il Venezuela - dove secondo i dati Fmi nel 2019 il Pil si è contratto del 35 per cento e alla fine del 2020 il numero degli emigrati venezuelani potrebbe arrivare a sei milioni, quasi il 20 per cento della popolazione - che sta trascinando giù l'economia di tutto il continente sudamericano: la regione è impantanata in "incertezza e rallentamento", secondo Alicia Barcena, segretario esecutivo della Commissione economica delle Nazioni Unite per l'America Latina e i Caraibi (CEPAL).Nel 2019 l'espansione del Pil subcontinentale segnerebbe infatti un impercettibile +0,1% e le previsioni per l'anno in corso non sono particolarmente entusiasmanti: +1,3%. Secondo gli osservatori, si tratta della crescita di lungo termine più bassa degli ultimi 70 anni. Una bomba ad orologeria, vista anche la tensione sociale particolarmente crescente.Oggi nel Subcontinente ci sono 25,2 milioni di persone senza un impiego. Ricca di materie prime, gli analisti sostengono che l'unica leva cui ricorrere è la spesa pubblica ma in modo più organico e semplice. Facile a dirsi, in una regione che invece ha fatto della normalità il caos politico.Torniamo all'Argentina: le ultime stime della Banca Mondiale e dell'Fmi prevedevano per quest'anno una contrazione del Pil dell'1,5% ma gli esperti di Washington ci sarebbe una ripresa per la seconda metà dell'anno. Fa paura lo spettro della profonda recessione del 2001: con il peso che perde potere d'acquisto l'aumento costante dei prezzi, innescato dal rialzo del dollaro, allarma le famiglie. Chi possiede risparmi, preferisce conservarli nel materasso o cambiarli in dollari piuttosto che depositarli in banca. Va ancora peggio in Venezuela, che rappresenta in Sud America, il 'malato' grave: mancano generi di prima necessità e l'inflazione è arrivata a toccare la cifra assurda del 1.000.000%, crescendo a ritmo del 3% al giorno. Vale a dire, un cittadino di Caracas che un giorno compra sei uova, dopo qualche settimana con quella cifra non riesce ad acquistare nemmeno un'auto nuova.Il Presidente Maduro ha già cercato di correre ai ripari, aumentando il salario minimo legale del 150%, ma con l'inflazione che galoppa a questi ritmi, oggi ammonta a poco più di 21 dollari. Il Fondo Monetario prevede una vera e propria "implosione" dell'economia, da quest'anno aggravata dalle sanzioni statunitensi e blackout che paralizzano il paese. Quest'anno non andrà meglio: il Pil sarà negativo sempre a due cifre: era calato del 35,5% nel 2019 e si aspetta il -14% quest'anno. ​La situazione disperata del Venezuela non poteva lasciare indenni le altre grandi economie, le cui stime sul Pil sono state riviste al ribasso. Ma a confronto del Venezuela, sembrano vere e proprie 'oasi' di benessere. L'Fmi, ad esempio, cita il Perù e il Cile come campioni di "resilienza": nonostante le tensioni commerciali tra Usa e Cina, l'economia venezuelana in caduta libera, e l'Argentina ora in sostanziale affanno, restano saldamente in sella anche se le stime di crescita sono state limate. Anzi, il Perù viene considerato uno dei motori del Sud America, il vero mercato emergente vantando una crescita ininterrotta e costante da 5 anni e, secondo le stime del Fondo Monetario, continuerà a crescere al ritmo del 4,8% quest'anno. Di certo, sull'economia ha impattato lo scorso anno lo scandalo della corruzione che ha coinvolto la più grande impresa di costruzioni dell'America Latina Odebrecht, che ha preso poi una svolta drammatica con il suicidio dell'ex presidente peruviano Alan Garcia. Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Odebrecht avrebbe pagato 788 milioni di dollari in tangenti in 12 paesi, con la partecipazione di presidenti ed ex capi di stato e ministri.Ma le costruzioni sono ripartite, anzi secondo Moody's, è il Paese sudamericano che presenta meno rischi per gli investimenti. Parole che inorgogliscono il Governo, il quale qualche tempo fa sottolineò che il Perù "si trova in una posizione privilegiata tra i paesi dell'America Latina per resistere a tempi difficili a causa di solide misure anti-crisi e di una gestione macroeconomica responsabile". I recenti disordini di piazza e le feroci repressioni sono 'costate' invece all'economia cilena un taglio consistente del Pil. L'Fmi ritiene che l'economia quest'anno cresca di appena lo 0,9%. Il governo non si perde d'animo visto che il Ministro di Economia del Cile, Juan Andrés Fontein, ha ribadito che il Paese é impegnato con una agenda economica al fine di arrivare ad una crescita superiore a quella prevista dal FMI.L'attuale governo, guidato dal conservatore Sebastián Piñera, è salito al potere con la promessa di recuperare il dinamismo perduto dopo il secondo mandato di Michelle Bachelet, ma deve affrontare un percorso molto più difficile di quanto ci si possa aspettare. Però la banca centrale è ottimista avendo riscontrato un aumento dell'attività economica dell'1,1% a dicembre, un dato che farebbe ben sperare in un ritmo di crescita più sostenuto. Più stabile la situazione della Colombia, dove la stima di crescita è rimasta pressoché invariata, con un Pil del 3,4% per il 2019 e del 3,7% per il 2020. In questo caso, fanno molto da traino i consumi che stanno andando bene: l'import è fortissimo ma è soprattutto la domanda interna a spingere l'attività dei settori produttivi, anche se è leggermente calata rispetto ad inizio anno a causa dell'aumento della disoccupazione.Ma le materie prime rappresentano un ottimo traino per l'economia di Bogotà. (AGI) (AGI) - Roma, 20 feb. - La tensione con gli Stati Uniti non sta facendo bene all'economia del Messico che vedrà una crescita modesta dell'1,0%. Nella sua valutazione, ​l'Fmi ha affermato che gli investimenti rimangono deboli e che i consumi privati sono rallentati a causa dell'incertezza sulle "politiche, del deterioramento della fiducia e dell'aumento dei costi dei prestiti". Infine, il Brasile: dopo il Venezuela e l'Argentina, è l'economia che affanna di più. Ma le stime sul Pil sono in rialzo: per il 2019, è salito dell'1,17%, quest'anno invece viaggerà sul 2,2%. Pochi mesi fa, "l'umore generale era notevolmente peggiorato a causa della persistente incertezza circa l'approvazione della riforma pensionistica e di altre riforme strutturali".A questo va aggiunto il calo dei prezzi delle materie prime che sta impattando su tutti i paesi del Sud America, ma soprattutto in Brasile dove l'attività mineraria è molto forte. Ma il paese ha notevoli risorse, e quindi potrebbe agganciare il treno della ripresa. Ricca di materie prime, gli analisti sostengono che l'unica leva cui ricorrere è la spesa pubblica ma in modo più organico e semplice. Facile a dirsi, in una regione che invece ha fatto della normalità il caos politico.Torniamo all'Argentina: le ultime stime della Banca Mondiale e dell'Fmi prevedevano per quest'anno una contrazione del Pil dell'1,5% ma gli esperti di Washington ci sarebbe una ripresa per la seconda metà dell'anno. Fa paura lo spettro della profonda recessione del 2001: con il peso che perde potere d'acquisto l'aumento costante dei prezzi, innescato dal rialzo del dollaro, allarma le famiglie. Chi possiede risparmi, preferisce conservarli nel materasso o cambiarli in dollari piuttosto che depositarli in banca. Va ancora peggio in Venezuela, che rappresenta in Sud America, il 'malato' grave: mancano generi di prima necessità e l'inflazione è arrivata a toccare la cifra assurda del 1.000.000%, crescendo a ritmo del 3% al giorno. Vale a dire, un cittadino di Caracas che un giorno compra sei uova, dopo qualche settimana con quella cifra non riesce ad acquistare nemmeno un'auto nuova.Il Presidente Maduro ha già cercato di correre ai ripari, aumentando il salario minimo legale del 150%, ma con l'inflazione che galoppa a questi ritmi, oggi ammonta a poco più di 21 dollari. Il Fondo Monetario prevede una vera e propria "implosione" dell'economia, da quest'anno aggravata dalle sanzioni statunitensi e blackout che paralizzano il paese.Quest'anno non andrà meglio: il Pil sarà negativo sempre a due cifre: era calato del 35,5% nel 2019 e si aspetta il -14% quest'anno. La situazione disperata del Venezuela non poteva lasciare indenni le altre grandi economie, le cui stime sul Pil sono state riviste al ribasso. Ma a confronto del Venezuela, sembrano vere e proprie 'oasi' di benessere. L'Fmi, ad esempio, cita il Perù e il Cile come campioni di "resilienza": nonostante le tensioni commerciali tra Usa e Cina, l'economia venezuelana in caduta libera, e l'Argentina ora in sostanziale affanno, restano saldamente in sella anche se le stime di crescita sono state limate. Anzi, il Perù viene considerato uno dei motori del Sud America, il vero mercato emergente vantando una crescita ininterrotta e costante da 5 anni e, secondo le stime del Fondo Monetario, continuerà a crescere al ritmo del 4,8% quest'anno. Di certo, sull'economia ha impattato lo scorso anno lo scandalo della corruzione che ha coinvolto la più grande impresa di costruzioni dell'America Latina Odebrecht, che ha preso poi una svolta drammatica con il suicidio dell'ex presidente peruviano Alan Garcia. Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Odebrecht avrebbe pagato 788 milioni di dollari in tangenti in 12 paesi, con la partecipazione di presidenti ed ex capi di stato e ministri. Ma le costruzioni sono ripartite, anzi secondo Moody's, è il Paese sudamericano che presenta meno rischi per gli investimenti. Parole che inorgogliscono il Governo, il quale qualche tempo fa sottolineò che il Perù "si trova in una posizione privilegiata tra i paesi dell'America Latina per resistere a tempi difficili a causa di solide misure anti-crisi e di una gestione macroeconomica responsabile". I recenti disordini di piazza e le feroci repressioni sono 'costate' invece all'economia cilena un taglio consistente del Pil. L'Fmi ritiene che l'economia quest'anno cresca di appena lo 0,9%. Il governo non si perde d'animo visto che il Ministro di Economia del Cile, Juan Andrés Fontein, ha ribadito che il Paese é impegnato con una agenda economica al fine di arrivare ad una crescita superiore a quella prevista dal FMI.L'attuale governo, guidato dal conservatore Sebastián Piñera, è salito al potere con la promessa di recuperare il dinamismo perduto dopo il secondo mandato di Michelle Bachelet, ma deve affrontare un percorso molto più difficile di quanto ci si possa aspettare. Però la banca centrale è ottimista avendo riscontrato un aumento dell'attività economica dell'1,1% a dicembre, un dato che farebbe ben sperare in un ritmo di crescita più sostenuto. Più stabile la situazione della Colombia, dove la stima di crescita è rimasta pressoché invariata, con un Pil del 3,4% per il 2019 e del 3,7% per il 2020. In questo caso, fanno molto da traino i consumi che stanno andando bene: l'import è fortissimo ma è soprattutto la domanda interna a spingere l'attività dei settori produttivi, anche se è leggermente calata rispetto ad inizio anno a causa dell'aumento della disoccupazione. Ma le materie prime rappresentano un ottimo traino per l'economia di Bogotà.La tensione con gli Stati Uniti non sta facendo bene all'economia del Messico che vedrà una crescita modesta dell'1,0%.Nella sua valutazione, ​l'Fmi ha affermato che gli investimenti rimangono deboli e che i consumi privati sono rallentati a causa dell'incertezza sulle "politiche, del deterioramento della fiducia e dell'aumento dei costi dei prestiti". Infine, il Brasile: dopo il Venezuela e l'Argentina, è l'economia che affanna di più. Ma le stime sul Pil sono in rialzo: per il 2019, è salito dell'1,17%, quest'anno invece viaggerà sul 2,2%.Pochi mesi fa, "l'umore generale era notevolmente peggiorato a causa della persistente incertezza circa l'approvazione della riforma pensionistica e di altre riforme strutturali". A questo va aggiunto il calo dei prezzi delle materie prime che sta impattando su tutti i paesi del Sud America, ma soprattutto in Brasile dove l'attività mineraria è molto forte. Ma il paese ha notevoli risorse, e quindi potrebbe agganciare il treno della ripresa.

  • Notizie
    Askanews

    Valente (Pd): orribile stupro a Napoli, intervenire su baby gang

    "Sfida investe intere comunità. Scuola non può essere lasciata sola"

  • Morto il rapper Pop Smoke, ucciso durante una rapina a Los Angeles
    Notizie
    notizie.it

    Morto il rapper Pop Smoke, ucciso durante una rapina a Los Angeles

    Il rapper 20enne Pop Smoke è morto ucciso a colpi d'arma da fuoco nei dintorni di Los Angeles. Il ragazzo sarebbe rimasto vittima di una rapina.

  • Ferrari F40 in fiamme a Monaco: colpa dell’auto o del proprietario?
    Notizie
    Motori Magazine

    Ferrari F40 in fiamme a Monaco: colpa dell’auto o del proprietario?

    Un'altra Ferrari F40 ha preso fuoco in mezzo alla strada fra gli sguardi sgomenti dei passanti di Monaco: la colpa questa volta non è dell'auto.

  • Luigi Di Maio e Virginia, bacio appassionato: la foto
    Notizie
    notizie.it

    Luigi Di Maio e Virginia, bacio appassionato: la foto

    Luigi Di Maio e Virginia Saba si sono scambiati baci a dir poco bollenti in un parco pubblico di Roma.