La morte di Papa Luciani e quei "gialli" smentiti dalle carte -2-

Ska

Roma, 21 ott. (askanews) - Il libro di Stefania Falasca, che porta la prefazione di un altro veneto, il cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin, non è solo un avvincente ricostruzione storiografica su uno dei più discussi 'gialli' del Vaticano, bensì - come 'l'atto di giustizia e di pace' rappresentata dal processo di beatificazione - una riscoperta del pontificato di Luciani. Perché 'nel corso del pur breve pontificato si sono così manifestate le priorità in cantiere di un pontefice che ha fatto progredire la Chiesa lungo le strade maestre indicate dal Concilio: la risalita alle sorgenti del Vangelo e una rinnovata missionarietà, la collegialità episcopale, il servizio nella povertà ecclesiale, il dialogo con la contemporaneità, la ricerca dell'unità con le Chiese cristiane, il dialogo interreligioso, la ricerca della pace'.

C'è un aspetto sul quale il volume indugia a più riprese, grazie anche ad alcune carte conservate nell'archivio di Giulio Andreotti, da ultimo direttore della rivista 30Giorni - da dove Falasca proviene - che, caso raro nel panorama editoriale cattolico, non ha mai sottovalutato la figura di Giovanni Paolo I. E' la presenza di Papa Luciani nella politica internazionale dell'epoca. L'attenzione a lui riservata dalla diplomazia russa e dal presidente Breznev in persona, gli appelli - in un caso omessi dalla comunicazione ufficiale vaticana - per i colloqui di Camp David, la cordiale corrispondenza con il presidente statunitense Jimmy Carter che quei colloqui promosse. Al lettore del libro viene spontaneo domandarsi come sarebbe stata la Chiesa cattolica se il pontificato di Giovanni Paolo I fosse durato più a lungo. Come avrebbe inciso nella ricezione del Concilio vaticano II appena concluso, aperto da Giovanni XXIII e chiuso da Paolo VI: 'Con l'inedita scelta del binomio 'Giovanni Paolo'', annota Falasca, 'aveva eretto l'arco di congiunzione di coloro che erano stati le colonne portanti di tale opera. Colonne che furono da taluni giudicate staccate. Luciani conosceva questo dissidio serpeggiante in seno alla Chiesa e lo considerava offensivo della verità e nemico dell'unità e della pace'. Come avrebbe inciso sulla storia della Chiesa, marcata, dal secondo Conclave del 1978, dalla forte personalità - e dalla decisa posizione politica - dal polacco Karol Wojtyla, un Papa schierato senza esitazione contro il comunismo internazionale. Come avrebbe inciso sulla storia d'Italia e del mondo della guerra fredda.

E' significativo, al riguardo, che il primo nome al quale Luciani pensò per Venezia - e anche questo è uno scoop del libro - fosse il flamboyant gesuita Bartolomeo Sorge, che, come si legge in una lettera molto critica inviata al Papa dall'allora presidente della Cei Angelo Poma, 'dopo la lettera di Berlinguer a mons. Bettazzi, ha auspicato pubblicamente un dialogo culturale con il comunismo italiano. Anche tale posizione non favorisce l'unità dell'episcopato italiano'. E a proposito di compromesso storico, la memoria del lettore non può non andare ad una altra morte traumatica - questa sì violenta - che segnò, poco più di un anno dopo, le sorti del paese e quelle del compromesso storico, l'uccisione di Aldo Moro. Ma questi, appunto, sono interrogativi del lettore, tutto sommato oziosi.La realtà, quella documentata con acribia, è quella contenuta nella 'cronaca di una morte'. Ossia, che 'Luciani non è stato ucciso'.(Segue)