La Nato: il missile sulla Polonia non è russo ma è colpa della Russia

John THYS / AFP

AGI - Non è stato un attacco deliberato contro un Paese della Nato, ma l'incidente di martedì sera costato la vita a due contadini polacchi è frutto della guerra scatenata dalla Russia contro l'Ucraina. Con un'operazione di equilibrismo politiico e diplomatico, l'Alleanza atlantica riesce a scagionare Mosca dalle responsabilità di quanto accaduto ieri, ma nel contempo ad accusarla.

"Oggi abbiamo un chiaro quadro di quello che è successo ieri" ha detto il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, al termine del Consiglio Nord Atlantico sull'incidente. "non ci sono indicazioni che sia stato un attacco deliberato, non ci sono indicazioni che sia stato qualcosa di mirato contro il territorio Nato e non ci sono indicazioni che la Russia stia pianificando qualche azione militare aggressiva contro la Nato. Ma quello che sappiamo è che tutto l'incidente è causa dalla brutale guerra russa in Ucraina. Quindi il modo migliore per evitare che accada qualcos'altro di simile è che la Russia fermi questa guerra".

[LIVE] Watch #NATO Secretary General @jensstoltenberg's press conference after the meeting of the North Atlantic Council to discuss yesterday's explosion in Eastern #Poland. https://t.co/l4yVwj9KE2

— Oana Lungescu (@NATOpress) November 16, 2022

Stoltenberg dice esplicitamente che quello caduto in Polonia "molto probabilmente era un missile di difesa area ucraino". "I nostri sistema di difesa aerea nella parte orientale" dell'alleanza Nato "sono impostati per difenderci dagli attacchi. I missili da crociera e quelli balistici hanno caratteristiche particolari che seguiamo e monitoriamo per giudicare se si tratti di un attacco o di qualcos'altro. Molto probabilmente questo è stato un missile di difesa area ucraino che non ha le caratteristiche di un attacco. Questo spiega le nostre azioni" e "non dice nulla sulle nostre abilità di difendere dagli attacchi deliberati il territorio della Nato"  ha detto ancora il segretario generale della Nato

"L'Ucraina ha il diritto di abbattere i missili russi che colpiscono le città e le infrastrutture civili" ha aggiunto "Non vi è alcuna indicazione che la Russia stia in alcun modo preparando un'offensiva contro la Nato" ma l'incidente in Polonia "è il risultato del massiccio lancio di missili russi sull'Ucraina".