La nave della Ong tedesca è al largo della Libia

·3 minuto per la lettura
Sea Eye 4 Palermo
Sea Eye 4 Palermo

Dopo essere arrivata al largo della zona di Terrasini (Palermo) in acque internazionali, per la Sea Eye 4, nave di un’Ong tedesca si è sbloccata la situazione. All’imbarcazione è stato assegnato l’attracco nel porto di Pozzallo. Lo ha reso noto il comandante Gorden Isler che su Twitter ha dichiarato: “Il Sea Eye 4 è stato appena assegnato a Pozzallo come porto. La nostra nave partirà immediatamente. Questo, infatti, significa anche che gli oltre 400 soccorsi devono trascorrere altre 2 notti a bordo”.

La nave trasporta 415 migranti di cui 150 minori soccorsi al largo della Libia. Eppure in queste ultime ore sono stati diversi gli allarmi lanciati per via dell’autorizzazione che tardava ad arrivare come ad esempio quello della stessa Sea Eye che ha chiesto nel pomeriggio di mercoledì 19 maggio che si proceda agli sbarchi quanto prima. “Abbiamo bisogno di un rifugio sicuro adesso!”, ha scritto Sea Eye su Twitter.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Sea Eye 4 Palermo, l’imbarcazione è ancora in attesa dell’autorizzazione

Sono state ore critiche queste per la Sea Eye 4 che ha atteso diverso tempo l’autorizzazione che permettesse di sbarcare in un porto sicuro che potesse accogliere i 415 migranti. Stando a quanto appreso l’imbarcazione l’imbarcazione si trova di fronte al mare di Palermo.

L’autorizzazione è quindi arrivata anche se il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, con un post su Twitter scritto in lingua tedesca, si era detto pronto ad accogliere gli oltre 400 migranti. “Palermo è pronta ad accoglierli. I ritardi possono mettere a rischio le loro vite, il che grava sulla nostra coscienza” – precisa il Sindaco di Palermo aggiungendo inoltre come sia importante dare un rifugio sicuro ai migranti al fine di “garantire la salute dei naufraghi salvati”.

Sea Eye 4 Palermo, le parole della Ong

Nel corso della giornata l’Ong Sea Eye con un post pubblicato su Twitter, ha mandato un appello agli Stati membri della UE affiché i 415 migranti possano trovare protezione: “Perché ci vuole così tanto tempo per darti il ​​benvenuto nella sicurezza? Abbiamo bisogno di un rifugio sicuro adesso!”.

Non meno dure invece le parole del responsabile dell’imbarcazione Sea Eye 4 Gorden Isler che sempre su Twitter ha dichiarato: “Il Sea Eye 4 ha raggiunto le acque al largo di Palermo. Temiamo che i soccorsi dovranno trascorrere una quarta notte sulla nave. Lo sbarco non è stato ancora approvato per la Sea Eye. Non ci deve essere alcun blocco! Più di 400 sopravvissuti hanno bisogno di un rifugio sicuro!”.

Sea Eye 4 Palermo, la rabbia dell’ammiraglio Nicola De Felice

L’ufficiale della Marina Militare italiana Nicola De Felice con un post su Facebook si è scagliato contro la Germania invitandola ad organizzarsi affinchè i migranti vengano portati a Berlino: “Sea Eye 4 dirige a Palermo. Che la Germania organizzi a sue spese un ponte aereo e se li porti a Berlino come da regolamento Ue di Dublino!”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli