La nipote dell'imperatore del Giappone si sposerà il 26 ottobre

·1 minuto per la lettura

AGI - La principessa Mako, nipote dell'imperatore del Giappone Naruhito, si sposerà il 26 ottobre, rinunciando al rito tradizionale e alla somma che viene di solito versata alle donne della casa reale che sposano, come nel suo caso, un uomo di natali non nobili. A confermare la data e l'ufficio della Casa Imperiale, la quale ha sottolineato come la ventinovenne stia soffrendo da disturbo post-traumatico da stress a causa della copertura mediatica riservata alla relazione tra Mako e il coetaneo Kei Komuro.

Le nozze, che giungono dopo anni di rinvii e polemiche, faranno perdere alla donna il titolo nobiliare. Eventuali figli maschi della coppia saranno esclusi così dalla linea di successione al Trono del Crisantemo.

Un amore bersagliato dai tabloid

I tabloid avevano lanciato un'aggressiva campagna contro la relazione tra Mako e Komuro sostenendo che la madre di quest'ultimo avesse preso in prestito denaro da una precedente fidanzata senza mai restituirlo. La coppia fu costretta a rinviare il matrimonio e Komuro si trasferì negli Stati Uniti per studiare giurisprudenza, una mossa interpretata come un tentativo di sottrarsi all'attenzione dei media.

Il principe della corona Akishino, padre di Mako, aveva affermato di sostenere la scelta della figlia ma aveva avvertito che era per lei necessario guadagnare la "comprensione" dell'opinione pubblica. Alcuni giorni fa Komuro è tornato in Giappone dopo tre anni e sta osservando una quarantena di 14 giorni, al termine della quale, l'11 ottobre, finalmente potrà riabbracciare la fidanzata, che non vede dalla sua partenza per l'America. Secondo i tabloid, accanitisi sul nuovo look di Komuro, che si è fatto crescere i capelli e li porta legati in una coda di cavallo, la coppia si trasferirà a New York dopo il matrimonio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli