La nuova linea di difesa Nato in Europa: il gruppo tattico si addestra in Romania

La nuova linea di difesa Nato in Europa: il gruppo tattico si addestra in Romania

Le esercitazioni che i militari francesi e olandesi hanno iniziato sugli altopiani centrali della Romania offrono un colpo d'occhio tornato tristemente realistico nei confini europei.

I soldati simulano un'invasione di forze nemiche da nord, dove la Romania confina con l'Ucraina.

L'obiettivo della missione delle unità francesi e olandesi, e dei loro veicoli di fanteria, è quello di fermare l'avanzata nemica.

È il Colonnello Christophe Degand, comandante del gruppo tattico Nato di presenza avanzata in Romania, a spiegare gli obiettivi dell'addestramento e la sua responsabilità.

"Sono responsabile di tutti i miei soldati e questo richiede il 100% della mia energia e concentrazione - dice - Sono stato messo a capo di questa squadra per portarli a un certo livello in modo da essere pronti a eseguire l'intera missione qui o altrove - questo è il mio unico obiettivo ed è molto impegnativo".

Nuovi orizzonti europei

Una nuova realtà si profila all'orizzonte per l'Europa. Questo gruppo tattico della Nato, dislocato in Romania da febbraio, è una risposta diretta al ritorno della guerra sul suolo europeo.

Altri quattro gruppi tattici al momento sono dispiegati al confine orientale dell'Alleanza.

In Romania, la Francia è affiancata da una compagnia in cui si alternano soldati belgi e olandesi, polacchi e portoghesi a rotazione. Si trova lungo una delle più recenti linee di difesa dell'Europa. Questo campo di esercitazioni è stato costituito dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. E una parte del contingente ha ricevuto un preavviso di appena tre giorni per arrivare sul posto.

Si preparano allo scenario di una guerra che si estenda oltre il confine.

Anche se nessuno qui discute apertamente di questa possibilità, gli ufficiali parlano di esercitazioni di routine.

La nuova politica di Difesa

"Il contesto è per certi aspetti cambiato, ma l'addestramento rimane lo stesso - spiega Degand - Pensiamo di aver fatto un buon lavoro di apprendimento prima di stabilire che si trattava effettivamente del modo in cui si sarebbe combattuto in futuro. Quindi non vedo un grande cambiamento di mentalità".

C'è una tendenza globale nelle forze armate ad addestrarsi per la lotta tra pari - aggiunge il militare - era già in corso prima della crisi ucraina, quindi penso che abbiamo fatto un buon lavoro per prevedere i prossimi scenari conflitto.... l'addestramento è invariato. È vero che siamo l'unità più vicina alla crisi, ma non vedo grandi cambiamenti nel nostro modo di prepararci".

La guerra in Ucraina ha cambiato radicalmente la politica di difesa sul territorio europeo.

I Paesi della Nato si sono impegnati ad alzare drasticamente questo capitolo di spesa. L'alleanza ha aumentato la sua influenza militare e politica. Per gli uomini sul campo, questo è un periodo difficile ma sostengono di essere pronti per qualsiasi scenario, anche se sperano di non essere messi alla prova.