La Nuova Zelanda ha annunciato il lockdown da mercoledì 18 agosto

·2 minuto per la lettura
Covid Nuova Zelanda lockdown
Covid Nuova Zelanda lockdown

A seguito della positività di un uomo di 58 anni, la Nuova Zelanda ha annunciato il lockdown che entrerà in vigore nella mezzanotte di mercoledì 18 agosto e rimarrà attivo per i successivi tre giorni. Si tratta del primo contagio rilevato da circa sei mesi. “Abbiamo visto cosa succede altrove se non riusciamo ad arrivare prima. Abbiamo solo una possibilità“, sono le parole del Primo Ministro Neozelandese Jacinta Ardern. Nel frattempo la Premier ha reso noto che il lockdown durerà un tempo maggiore e per l’esattezza 7 giorni, nella Capitale Auckland dove l’uomo risiede e nella penisola di Coromandel dove quest’ultimo si era recato in visita.

Covid Nuova Zelanda lockdown, si potrà uscire solo necessità

Secondo le misure adottate in Nuova Zelanda, per i cittadini sarà possibile uscire solo in caso di necessità come fare la spesa o ancora fare attività fisica. Dovranno altresì evitare il più possibile l’incontro con gli altri. Nel frattempo nei supermercati del Paese è partita la corsa alle scorte di prodotti di prima necessità. Tracollo invece in borsa con il dollaro neozelandese che ha subito un forte calo. Arresto invece per la Campagna vaccinale che è stata interrotta e dovrà essere sospesa per i prossimi due giorni.

Covid Nuova Zelanda lockdown, solo il 18% della popolazione ha completato il ciclo vaccinale

La Nuova Zelanda risulta attualmente essere uno dei Paesi dove si è corso di meno nella Campagna vaccinale. Solo il 18% della popolazione ha completato il ciclo vaccinale ricevendo le due dosi, mentre solo il 32% ha ricevuto una dose. Nel frattempo c’è particolare apprensione sullo stato di salute del soggetto, i cui test dovranno ora definire se l’uomo abbia contratto o meno la variante Delta. Ed è proprio per proteggersi da quest’ultima variante, che la Nuova Zelanda ha mirato a mettere in atto delle misure più severe.

Covid Nuova Zelanda lockdown, l’ultimo focolaio è stato registrato a febbraio

È da circa 6 mesi, e precisamente da febbraio 2021 che in Nuova Zelanda non venivano registrati dei contagi. L’ultimo contagio a livello locale è stato infatti registrato lo scorso 28 febbraio. Da quando è iniziata la pandemia sono stati circa 2500 i casi, di cui 26 decessi su una popolazione totale di 5.000.000 di abitanti. Ora però lo stato di allerta è massimo. “La cosa migliore che possiamo fare per uscirne il più rapidamente possibile è tenere duro”, sono le parole del Premier neozelandese Jacinta Ardern in conferenza stampa. Ha quindi proseguito: “Abbiamo preso la decisione sulla base del fatto che è meglio mantenere alta l’allerta, piuttosto che mantenere bassa l’attenzione, non contenere il virus e vederlo muoversi rapidamente”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli