Una splendida partita di rubamazzetto

Mattia Feltri
·Direttore HuffPost
·2 minuto per la lettura
Governo (Photo: )
Governo (Photo: )

Le forze in campo sono disposte così: Matteo Renzi, che il 4 marzo 2018, giorno delle ultime elezioni politiche, era il segretario del Pd, e a causa del tracollo fu sostituito dal reggente Maurizio Martina (nel frattempo passato alla vicedirezione generale della Fao, evviva e auguri), a sua volta sostituto in piena funzione da Nicola Zingaretti, Matteo Renzi, dicevamo, è stato prima all’opposizione di Giuseppe Conte, poi ha fatto nascere il Conte bis, ma contemporaneamente ha lasciato il Pd per fondare Italia Viva e adesso prova a far cadere il Conte bis.

Nicola Zingaretti, inizialmente contrario al Conte bis, nel quale fu trascinato per la collottola da Renzi, ora non vuol far cadere il Conte bis, ma è probabile che si farà trascinare da Renzi per la collottola dentro una prossima eccitante avventura, magari con un nuovo premier, magari del Pd, senza nemmeno sporcarsi le mani.

Beppe Grillo, fondatore di un movimento col rifiuto di qualsiasi alleanza nella sua ragione sociale, nella natura stessa della sua esistenza, si è alleato con la Lega di Matteo Salvini, per poi mollarla e saltare con un oplà nelle braccia del Pd, il partito della mafia e di Bibbiano, a seconda delle requisitorie del giorno, e anzi con un oplà dentro le braccia dell’ultimo preclaro rigurgito della partitocrazia corrotta, secondo le geremiadi dell’onestà, ovvero Renzi, e adesso, dicevamo Beppe Grillo, condivide su Facebook l’appello all’orgia globale e istituzionale, tutti i partiti dentro a tenere Conte sul trono, chi ci sta ci sta, ’ndo cojo cojo, in nome di una purezza evoluta fino alle struggenti crode del più scatenato meretricio.

E intanto Giuseppe Conte, uomo buono per tutte le alcove, ancheggia davanti a ogni Scilipoti, assistito nella caccia dai suoi ministri a cinque stelle dalla rettitudine flessibile a prezzi scontati e trattabili. Come Isabella di Castiglia si concede a chi lo piglia:...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.