La piattaforma operativa dalle 9 del 3 novembre: si possono ottenere incentivi fino a 500 euro

·2 minuto per la lettura
In bicicletta in città
In bicicletta in città

Martedì 3 novembre è il giorno designato per il tanto atteso “click day” per accaparrarsi il bonus mobilità 2020. A partire dalle 9 del mattino, dovrebbe essere possibile accedere alla piattaforma web predisposta del ministero dell’Ambiente (buonomobilita.it) e provare ad ottenere il bonus. Da subito però si è registrato qualche problema, perché alle 9 del mattino, il sito è rimasto inaccessibile. Solo qualche fortunato, che invece di usare il Pc ha provato a raggiungere la piattaforma da smartphone, è riuscito ad accedere. Subito si sono già registrate code chilometriche.

Poco prima delle 15, sono oltre 600mila gli utenti in coda sul sito.

utenti in coda bonus mobilità
utenti in coda bonus mobilità

Bonus mobilità 2020 click day

Il buono mobilità prevede un voucher per effettuare un acquisto o il rimborso degli acquisti effettuati a partire dal 4 maggio per biciclette (anche assistite), e-bike, monopattini, hoverboard, segway. Il bonus è però valido per i servizi di mobilità condivisa come lo scooter sharing o il bike sharing (il car sharing è invece escluso dal bonus mobilità).

Per ottenere il bonus bisogna essere veloci e pratici con il computer, in quanto l’erogazione terrà conto della data di inserimento della richiesta e non di quella che compare sullo scontrino o sulla fattura. In pratica, un acquisto fatto il 4 maggio non avrà la precedenza su un acquisto fatto più tardi. In realtà l‘operazione è molto semplice e richiederebbe poco tempo. Il problema in queste occasioni rimane il rischio di un crash del sito di fronte all’accesso contemporaneo di migliaia di persone. Dal Ministero dall’Ambiente sono arrivate garanzie sulla funzionalità del sito e sulla possibilità di accedervi. Garanzie che sono state, in parte, disattese all’inizio della tanto attesa giornata.

Bonus mobilità, cos’è

Il Bonus mobilità prevede l’acquisto di mezzi di trasporto con un impatto basso sull’ambiente. L’obiettivo della misura è proporre mezzi di trasporto alternativi all’automobile, come biciclette (anche elettriche o a pedalata assistita), monopattini, monowheel, segway e hoverboard.

Il Decreto Rilancio prevede un bonus fino al 60 per cento della spesa per un massimo di 500 euro sull’acquisto del mezzo. Per richiedere il bonus mobilità sono previste condizioni di reddito. Tutti i cittadini italiani possono richiederlo sulla base di alcuni requisiti. Possono accedervi solo i maggiorenni, inoltre bisogna essere residenti in grandi città, poiché sono i centri più esposti al traffico, come dimostrato dai rilevamenti nella città di Roma e Milano.