La pista bulgara che porta agli attentatori di Istanbul

Passa dalla Bulgaria la pista contro gli attentatori della bomba di Istanbul che ha fatto sei vittime e oltre 80 feriti lo scorso 13 novembre. Le persone arrestate dalla procura sono accusate di banda armata e favoreggiamento.

Avrebbero fornito "assistenza logistica". Venerdì, un tribunale turco ha intanto incriminato 17 sospetti già in carcere con l'accusa di attentato contro l'unità dello Stato, omicidio volontario e tentativo di omicidio.

Una bomba esplosa sulla vivace Istiklal Avenue di Istanbul - una strada popolare piena da negozi e ristoranti - ha ucciso sei persone, tra cui due bambini. Oltre 80 persone sono rimaste ferite.

L'agenzia Anadolu ha affermato che il tribunale ha rilasciato altri tre sospetti dalla custodia in attesa del processo e ha ordinato l'espulsione di 29 persone che sono state arrestate dalla polizia.

Le autorità turche hanno accusato dell'attacco il Partito dei lavoratori del Kurdistan, o PKK, fuorilegge, nonché gruppi curdi siriani ad esso affiliati. I gruppi curdi hanno negato il coinvolgimento.