La polizia di Boise, nell’Idaho, ha risposto al fuoco di uno sconosciuto che aveva aperto il fuoco

·1 minuto per la lettura
Il centro commerciale dove è avvenuto il conflitto a fuoco
Il centro commerciale dove è avvenuto il conflitto a fuoco

È di due morti e cinque feriti, fra cui un agente di polizia, il bilancio di una sparatoria in un centro commerciale dell’Idaho, negli Usa. Su Twitter il dipartimento di polizia di Boise fa sapere che una persona è in custodia e che al momento “non si hanno ulteriori informazioni che indichino ulteriori minacce“.

Usa, sparatoria in un centro commerciale: inferno di piombo al Boise Square Mall

Ma cosa è successo? Intorno alle 13,50 del pomeriggio di ieri, 25 ottobre, è arrivata una chiamata: un uomo stava sparando furiosamente, in maniera seriale e per motivi sconosciuti all’interno di un centro commerciale di N. Milwaukee, il Boise Towne Square Mall.

Ennesima sparatoria in un centro commerciale Usa: il conflitto e l’aggressore a terra

Le prime notizie davano una persona a terra e gli agenti intervenuti, una volta individuato l’aggressore, hanno risposto al fuoco. A rimanere feriti sia l’aggressore che un agente, il primo in maniera seria, mentre l’ufficiale di polizia è stato medicato e dimesso poco dopo: dovrà riferire sull’accaduto alla Critical Incident Task Force guidata dal dipartimento di polizia di Meridian.

Sgomberato il centro commerciale teatro della sparatoria negli Usa: la conferma di due decessi

Gli altri agenti hanno nel frattempo individuato altre persone ferite nei locali e assieme al personale di sicurezza del centro commerciale hanno sgomberato l’area. Poco dopo la polizia ha confermato il decesso di due persone, fra le quali presumibilmente l’aggressore, anche ne non ci sono ancora note ufficiali; sconosciute invece identità e ruolo della seconda vittima.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli