La polizia francese ha fermato otto molestatori no vax di origine italiana

·1 minuto per la lettura
molestatori no vax ViVi
molestatori no vax ViVi

Continuano in Italia e non solo le proteste dei no vax, che restano fermi sulle proprie posizioni e duramente contrari al vaccino anti-Covid. Pesano sul sistema sanitario e non mancano le minacce e gli insulti dei quali si fanno portavoce. La polizia francese ha fermato 8 molestatori no vax di origine italiana appartenenti al gruppo ViVi.

Francia, fermati 8 molestatori no vax del gruppo ViVi

In diverse regioni francesi la polizia ha fermato 2 uomini e 6 donne appartenenti a un gruppo di molestatori online legato a un movimento No vax che sarebbe “di origine italiana”.

Si tratta del “ViVi”, o “V-V”, sospettato di aver molestato sul web tre persone, tra le quali due politici. I fatti risalirebbero al 2021.

Fermati 8 molestatori no vax del gruppo ViVi: a breve il processo

Dopo il fermo in Francia di 8 molestatori no vax, si passerà per le aule dei tribunali.

Stando a quanto finora reso noto, infatti, i no vax del gruppo ViVi saranno a breve processati.

Francia, fermati 8 molestatori no vax del gruppo ViVi: i loro insulti ai vaccini

Solo un mese prima di essere fermati, alcuni no vax appartenenti allo stesso gruppo avevano lasciato scritte con la vernice spray sul marciapiedi e sul muretto di recinzione della scuola media Don Milani e dell’elementare San Pietro di via Lonato, a Castiglione delle Stiviere (Mantova), dove è stato organizzato un hub vaccinale.

Imbrattando i muri, avevano scritto: “No siero sperimentale. Salvate i bambini”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli