La polizia talebana interrompe una manifestazione per la giovane iraniana arrestata e morta

Masha Amini
Masha Amini

Lo ha accertato un lancio dell’agenzia France Presse che ha una corrispondente in Afghanistan: ci sono stati apari in aria a Kabul contro le donne in protesta per Masha Amini. Tutto sarebbe accaduto in pochi minuti quando la polizia talebana ha deciso di fermare con la violenza una manifestazione per la giovane iraniana arrestata e morta dopo quel fermo perché aveva una ciocca di capelli che fuoriusciva dal velo e che era stata quindi considerata in odor di miscredenza dal regime religioso di Teheran.

Spari contro le donne in protesta per Masha

Il dato è che quella morte assurda ha suscitato indignazione proprio in uno dei luoghi dove più che mai le donne sono segregate e le forze talebane hanno sparato in aria questa mattina. Lo hanno fatto proprio per per disperdere una manifestazione di donne che sostenevano le proteste scoppiate in Iran dopo la morte della 22enne Mahsa Amini che, come spiega Ansa, era “avvenuta mentre era sotto la custodia della polizia morale”.

Corteo disperso davanti all’ambasciata dell’Iran

Le donne di Kabul stavano cantando lo stesso slogan, “Donne, vita, libertà” usato nelle manifestazioni in Iran, ma per 25 di loro si è messa male subito: il loro assembramento davanti all’ambasciata iraniana a Kabul è stato disperso con i soliti “gargarismi” di Ak47 in aria e con spintoni violenti.