La precisazione del Ministero della Salute

·2 minuto per la lettura
Bar
Bar

Il Ministero della Salute ha voluto precisare, per quanto riguarda le riaperture delle attività di ristorazione, che il consumo al tavolo è consentito ad un massimo di 4 persone al tavolo, a meno che non siano tutti coviventi.

Bar e ristoranti: quante persone al tavolo?

Il ministero della Salute ha voluto fare una precisione importante per quanto riguarda i pranzi e le cene nei bar e nei ristoranti, che da oggi hanno aperto anche al chiuso e anche la sera, in zona gialla. Nella zona bianca bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie, pub e gelaterie avevano già aperto nella giornata di ieri 31 maggio. Il ministero ha voluto precisare che in tutte le attività di ristorazione, il consumo al tavolo è permesso ad un massimo di 4 persone, a meno che non siano tutti conviventi. La norma era già contenuta nel dpcm del 2 marzo, confermata anche il 22 aprile, con il dpcm delle riaperture ed è presente nella premessa delle Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali del 28 maggio. Questo limite rimane in vigore sia nelle zone bianche che in quelle gialle.

Bar e ristoranti, le norme che restano in vigore

Inizialmente, prima che il ministero decidesse di chiarire la questione, era emerso che questa regola in realtà non era più valida e che era possibile organizzare delle tavolate più numerose a pranzo e a cena, senza una soglia massima. In realtà possono sedersi solo 4 persone ad ogni tavolo. Oltre a questa misura, resta anche l’obbligo di distanziare i tavoli e l’obbligo di indossare la mascherina, ma solo quando ci si alza dal tavolo. Il Comitato tecnico scientifico aveva consigliato di indossare la mascherina anche a tavola, se al chiuso, nei momenti in cui i clienti non stanno mangiando o bevendo. Questa richiesta, però, non è stata accolta nelle linee guida, per cui i clienti quando si siedono a tavola possono togliere la mascherina.

Bar e ristoranti: la ristorazione in zona bianca e gialla

Nella zona bianca tutti i locali possono rimanere aperti senza alcun limite di orario, sia all’aperto che al chiuso. Nella zona gialla, invece, rimane in vigore il coprifuoco alle 23. Nei bar è possibile consumare anche al banco, ma solo se si può mantenere la distanza di un metro tra i clienti. Sia nella zona bianca che nella zona gialla i gestori dei locali dovranno avere un registro dei clienti in cui inserire i dati personali.