La Premier League ha scelto: si riparte il 17 giugno con City-Arsenal

La Premier League ha scelto la data per tornare a riprendere il campionato. Accordo trovato tra i club riunitisi oggi in video-conferenza: se vi saranno le necessarie condizioni di sicurezza, si ripartirà il 17 giugno. Due le sfide in particolare: Aston Villa-Sheffield United e Manchester City-Arsenal.

Si tratta di un turno infrasettimanale, che prevede la disputa delle due sfide che le quattro squadre non erano riuscite a recuperare prima della pandemia di coronavirus. Nel weekend successivo del 19, 20 e 21 giugno, invece, è prevista invece la vera e propria ripartenza della Premier League. Naturalmente a porte chiuse.

La Premier League spera ora che la stagione 2019-20 si concluda entro il 2 agosto, con la finale della FA Cup che dovrebbe quindi svolgersi una settimana dopo, nel fine settimana dell'8-9 agosto.

Soltanto nella giornata di mercoledì, però, la Premier League aveva annunciato quattro nuovi casi di positività tra le squadre del campionato. Notizia che aveva un po' allarmato i vertici inglesi. Ma i dubbi sono stati azzerati: se le condizioni di sicurezza lo consentiranno, si riparte.

Approvata, inoltre, la proposta della Premier League di trasmettere in diretta tutte e 92 le partite rimanenti fino al termine della stagione. Pratica che in Inghilterra, diversamente dall'Italia, non è prevista. Le gare sarebbero trasmesse dai quattro broadcaster che hanno acquisito i diritti della competizione: Sky Sports, BT Sport, BBC Sport e Amazon Prime.

"Oggi abbiamo deciso in maniera provvisoria di far ripartire la Premier League mercoledì 17 giugno - dice Richard Masters, amministratore delegato della Premier League - Ma questa data non potrà essere confermata fino a quando non avremo soddisfatto tutti i requisiti di sicurezza necessari, poiché la salute e il benessere di tutti i partecipanti e dei tifosi è la nostra priorità.

Purtroppo le partite dovranno svolgersi senza tifosi negli stadi, quindi siamo lieti di aver escogitato una soluzione positiva affinché i sostenitori possano guardare tutte le 92 partite rimanenti. È importante far sì che quante più persone possibili possano guardare le partite in casa".

Ricordiamo la situazione in Premier League, dal punto di vista della classifica, prima dello stop: primissimo il Liverpool con 82 punti e ormai avviato alla vittoria, secondo il Manchester City con 57 punti, terzo il Leicester a 53.