La presidente della Commissione Europea lancia la proposta caldeggiata da tempo dalla Francia

·1 minuto per la lettura
Ursula von der Leyen
Ursula von der Leyen

Svolta europea sul nucleare, almeno come ipotesi ed almeno secondo quanto riferito da Ursula von der Leyen che ha detto senza mezzi termini in conferenza stampa a Bruxelles dopo il Consiglio Europeo: “Ne abbiamo bisogno accanto alle rinnovabili”. La presidente della Commissione Europea lancia la proposta caldeggiata da tempo dalla Francia e da altri paesi ma che resta divisoria nel contesto dell’Unione.

Nucleare, von der Leyen apre a quello pulito ed autoprodotto in Ue

Unione a cui, secondo la von der Leyen, “servono più rinnovabili ed energia pulita. Le rinnovabili sono libere da emissioni di anidride carbonica e sono prodotte nell’Ue”. E ancora: “Accanto a queste abbiamo bisogno di una fonte stabile, il nucleare, e durante la transizione del gas naturale. Per questo presenteremo la nostra proposta”.

Il modello energetico “misto” con il nucleare, la proposta di von der Leyen

Insomma, all’Europa che vuole transitare verso nuovi modelli energetici serve un modello “misto” che però non escluda più a priori il nucleare. Il modello andrebbe a traino di quello della Francia che assieme ad altri Paesi spinge ormai da tempo per inserire l’energia atomica tra le fonti di energia utili alla transizione climatica.

Sul nucleare pulito Draghi mette in guardia von der Leyen: “Europa divisa”

Dal canto suo e molto pragmaticamente il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi ha spiegato che “chiaramente il Consiglio Europeo su questo è molto diviso”. Piena approvazione in Italia arriva invece da Matteo Salvini, che in un post Facebook scrive: “Bene la UE, anche in Italia occorre ripensare e superare il No al nucleare pulito, sicuro e di ultima generazione, la Lega è pronta a presentare una proposta di Legge”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli