La presidenza del Regno Unito pubblica dei report ed una nuova bozza di accordo girato all'Onu

·2 minuto per la lettura
Per un accordo sulla Cop26 i lavori proseguono ad oltranza
Per un accordo sulla Cop26 i lavori proseguono ad oltranza

Dopo la nottata intera di negoziati serrati e tesissimi la Cop26 prosegue ad oltranza: la presidenza del Regno Unito ha infatti pubblicato dei nuovi report e lanciato una nuova bozza di accordo, ma la stessa dovrà essere valutata con attenzione in ogni suo aspetto per evitare che la conferenza mondiale di Glasgow su clima ed emissioni di Co2 diventi solo uno “spot per spot”, come aveva detto uno dei manifestanti dei giorni di apertura dei lavori.

Cop26 prosegue ad oltranza: forse c’è uno spiraglio per un accordo condiviso

Con la Conferenza COP26 di Glasgow si va dunque avanti, con buona volontà, tenacia, idee chiare a tento caffè. Ci sono i documenti tecnici diramati dalla presidenza britannica e i diversi argomenti che sono oggetto di quelle pubblicazioni. Fra di essi spicca quello cruciale della finanza climatica ed etica (un ossimoro, a ben vedere).

I nodi cruciali di finanza climatica ed aumento delle temperature, ecco perché Cop26 prosegue ad oltranza

Di eguale importanza sono anche i temi dell’adattamento all’aumento delle temperature. Una cosa pare certa, almeno secondo i media del Regno Unito: la pubblicazione dei nuovi documenti e la tempistica serrata e da maratona paiono segnale del prosieguo di trattative che poche ore fa si davano per miseramente arenate. E la nuova bozza di accordo è già stata pubblicata sul sito della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, un altro segnale positivo perché figlio di un atto quasi “istituzionale”.

L’indiscrezione su Cop26 che prosegue ad oltranza: intesa per contenere il riscaldamento globale a+1,5°C

Il documento deve essere ora discusso dai delegati, con l’obiettivo di un accordo entro la giornata che possa far chiudere i lavori fra poche ore con un risultato vero. I Fonti indirette dicono che i negoziatori dei 197 Paesi che partecipano a Cop26 dovrebbero raggiungere un’intesa “su un testo che dovrebbe rafforzare l’obiettivo di contenere a +1,5°C il riscaldamento globale”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli