La prima telefonata di Biden a Xi, al centro i diritti umani

·1 minuto per la lettura

AGI - Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha parlato al telefono con il presidente cinese Xi Jinping, per la prima volta da quando è in carica. Un colloquio introduttivo, riferisce la Cnn, che ha toccato una serie di questioni sullo sfondo delle crescenti tensioni tra i due Paesi.

Biden ha dato priorità alle questioni economiche e militari e ha menzionato potenziali aree di cooperazione, tra cui i temi del cambiamento climatico e della proliferazione nucleare, mentre ha richiamato la Cina su una serie di questioni relative al suo uso della tecnologia, al commercio sleale e alle violazioni dei diritti umani, secondo quanto riferito da un alto funzionario della Casa Bianca. Il neo presidente Usa avrebbe in particolare sottolineato con il leader cinese le violazioni dei diritti umani da parte della minoranza musulmana cinese uiguri e le azioni ostili nei confronti di Hong Kong.

Biden, ha poi riferito la Casa Bianca in un comunicato, ha offerto a Xi i suoi "saluti e auguri" al popolo cinese in occasione delle celebrazioni del capodanno lunare. Il presidente Usa ha anche "sottolineato le sue preoccupazioni per le pratiche economiche coercitive e sleali di Pechino, il giro di vite a Hong Kong, le violazioni dei diritti umani nello Xinjiang e le azioni sempre più assertive nella regione, anche nei confronti di Taiwan".