"La produzione di vaccini in Ue dipende troppo dall'estero", dice von der Leyen

·2 minuto per la lettura

AGI - "Un'altra lezione che abbiamo imparato (dalla pandemia) è la nostra dipendenza da alcune materie prime provenienti solo da una manciata di produttori. A volte questi produttori provengono esclusivamente dall'estero". Lo ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel suo intervento alle Giornate dell'industria Ue.

"Ciò è particolarmente evidente ora che dobbiamo produrre miliardi di dosi di vaccini a mRNA. Uno degli attuali colli di bottiglia è legato a due sole molecole sintetiche: se avessimo solo 250 grammi in più di queste molecole, dicono le aziende, potrebbero produrre un milione di dosi di vaccino in più", ha spiegato. "Stiamo lavorando a uno strumento di emergenza per il mercato unico per evitare future interruzioni negli approvvigionamenti. Ciò che abbiamo visto nella prima fase della pandemia nell'Ue non deve più ripetersi", ha annunciato. 

"Diversificheremo le catene di approvvigionamento e creeremo alleanze europee, per essere più resilienti nell'approvvigionamento di materie prime", ha evidenziato von der Leyen, che ha spiegato: "Dalla scorsa estate, abbiamo utilizzato accordi di acquisto anticipato per incentivare i produttori di vaccini ad aumentare la loro capacità di produzione. E abbiamo lavorato con le industrie per affrontare i colli di bottiglia nella fornitura di materie prime, ad esempio. Voglio costruire su questa esperienza. Credo che dovremmo passare dalla modalità di crisi a una nuova velocità di crociera di cooperazione con le industrie europee".

Occorre, ha affermato ancora la presidente della Commissione Ue, "costruire nuove e agili alleanze in cui il settore pubblico unisce le forze con l'industria". Questo tipo di cooperazione si sta già dimostrando incredibilmente potente in alcuni settori", ha aggiunto. "Ad esempio, la nostra Battery Alliance fa un'ottima storia. L'Europa avrà bisogno di sempre più batterie, per raggiungere il nostro obiettivo di neutralità climatica. Il mercato europeo delle batterie varrà 250 miliardi di euro già nel 2025. Ma l'Europa fa ancora affidamento su batterie prodotte interamente o parzialmente all'estero, spesso con standard ambientali che mancano della nostra ambizione", ha evidenziato von der Leyen.

"È qui che entra in gioco la European Battery Alliance. L'Alleanza ha riunito oltre 500 industrie, centri di ricerca e investitori. Le Istituzioni europee hanno messo sul tavolo ingenti risorse, così come i nostri Stati membri. Meno di un mese fa, abbiamo approvato quasi 3 miliardi di euro di nuovi investimenti pubblici. Parallelamente, gli industriali ci hanno aiutato a sviluppare nuove regole sulla tecnologia delle batterie. Grazie all'Alleanza, le batterie più innovative, longeve e pulite per auto elettriche saranno presto 'prodotte in Europa'. E questo investimento comune nelle batterie potrebbe creare un milione di nuovi posti di lavoro già entro la fine del prossimo anno", ha affermato von der Leyen.