La propaganda russa in Donbass è "mal concepita e inefficace"

Konstantin Mihalchevskiy / Sputnik / Sputnik via AFP

AGI - Uno studio su migliaia di notizie di organi di stampa utilizzati dalla propaganda di Mosca nel Donbas ucraino negli anni successivi alla prima invasione russa suggerisce che la campagna di disinformazione del Cremlino ha trascurato a lungo qualsiasi messaggio coerente o convincente per promuovere il sostegno alla Russia nella regione dilaniata dalla guerra.

Dopo il 2014, quando i mezzi di informazione nelle cosiddette "Repubbliche popolari" di Donetsk e Luhansk che costituiscono gran parte del Donbas sono stati presi con la forza da ribelli sostenuti dalla Russia, gli sforzi per instillare un'"identità" filo-russa sono stati inefficienti e con scarsi risultati. L'autore dello studio è ricercatore dell'Università di Cambridge, GB, il dottor Jon Roozenbeek, il quale afferma che, sulla base della sua analisi di oltre quattro anni di contenuti dei media, la propaganda è risultata così mal fatta che probabilmente ha avuto scarsi effetti sulla coscienza degli ucraini di lingua russa nel Donbas.

Ad esempio, Vladimir Putin ha a lungo portato avanti l'idea della "Novorossiya", o "Nuova Russia", nel tentativo di far risorgere la terminologia usata un tempo per descrivere il Donbas durante il regno di Caterina la Grande. Le ondate di propaganda però hanno appena menzionato il termine "Novorossiya" e la disinformazione russa mancava di una vera storia "in-group", destinata ai "noi" per opporsi a "loro" - un difetto fondamentale in qualsiasi tentativo di generare una divisione duratura, afferma Roozenbeek. Invece della costruzione dell'identità, quasi l'intero sforzo di propaganda russa si è basato sul ritrarre la leadership di Kiev come fascista.

Tuttavia le cose potrebbero cambiare. Ora che la Russia sta spostando principalmente la sua guerra nel Donbas, Roozenbeek avverte che potrebbe intensificare la diffusione di narrazioni propagandistiche in stile Novorossiya nella regione per giustificare il sequestro di terre e le atrocità della guerra. Propone di mettere in campo smentite globali preventive - o "pre-bunking" - contro l'idea che progetti ideologici come "Novorossiya" abbiano profonde radici nella regione e che la gente del Donbas abbia mai creduto a questi miti.

Altrimenti, dice, rischiamo che tali falsità prendano piede in Occidente attraverso esperti e politici che portano avanti la linea del Cremlino.

I risultati di Roozenbeek sono pubblicamente disponibili sul sito web dell'Università di Cambridge. "Otto anni di propaganda russa non sono riusciti a fornire un'alternativa convincente alla identità nazionale ucraina nell'Ucraina orientale", ha affermato Roozenbeek. "Se l'assurdità di Novorossiya, però, o altre narrazioni ideologiche iniziano a diffondersi in Occidente, potrebbero finire per essere usate per fare pressione sull'Ucraina affinchè rinunci a vaste aree del suo territorio".

Per la sua ricerca, Roozenbeek ha utilizzato l'"elaborazione del linguaggio naturale" per setacciare algoritmicamente oltre 85.000 articoli cartacei e online da 30 media locali e regionali di Luhansk e Donetsk tra il 2014 e il 2017, tracciando i modelli di contenuto attraverso l'uso di parole e frasi chiave.

Mentre metà della copertura sulla stampa è rimasta "business as usual" - sport, intrattenimento, ecc. - circa il 36 per cento è stato dedicato alla "formazione dell'identità" tramite la propaganda. Gran parte di questo è stato fatto attraverso parallelismi con la seconda guerra mondiale: la guerra del Donbas come attacco dei "neo-nazisti" ucraini. Solo un giornale ha prestato attenzione al concetto adottato da Putin di "Novorossiya". Sono state perse ovvie opportunità di sfruttare la storia per la costruzione dell'identità filo-russa, come il fatto che una parte del Donbas si dichiarò repubblica sovietica nel 1918, o addirittura qualsiasi menzione dell'Unione Sovietica.

"La descrizione di un'identità interna al gruppo che collocava il Donbas come parte del 'mondo russo' era quasi del tutto assente dalla carta stampata della regione", ha affermato Roozenbeek. Questo modello è stato ampiamente replicato nei media online, che sono stati più feroci nei tentativi di demonizzare il governo di Kiev ignorando un'identità filo-russa.

"Nonostante l'importanza data alla costruzione dell'identità ", ha affermato Roozenbeek "la propaganda per la costruzione dell'identità che ho potuto trovare nel Donbas dopo il 2014 era vaga, mal concepita e rapidamente dimenticata.

I tentativi politici di invocare Novorossiya sono stati messi da parte nell'estate del 2015, ma una propaganda così debole suggerisce che comunque non avevano molte possibilità. Putin ha gravemente sottovalutato la forza dell'identità nazionale ucraina, anche nel Donbas, e ha sopravvalutato il potere della sua macchina di propaganda nelle aree occupate dell'Ucraina".

La ricerca di Roozenbeek è stata condotta per il suo dottorato di ricerca tra il 2016 e il 2020 e sarà inclusa nel suo prossimo libro "Influence, Information and War in Ukraine", in uscita il prossimo anno come parte della serie di libri della Society for the Psychology Study of Social Issues Contemporary Social Issues, pubblicato da Cambridge University Press.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli