La propaganda russa e le immagini assurde per accostare alcuni paesi al “nemico atlantico”

Le immagini con l'assurdo accostamento
Le immagini con l'assurdo accostamento

La Torre di Pisa diventa un lanciamissili Nato in una mostra a Mosca secondo il clichet di una la propaganda russa che imbastisce immagini assurde per accostare alcuni paesi al “nemico atlantico”. Ecco che dunque l’iconico monumento artistico diventa una specie di “rampa di lancio”, in virtù della sua inclinazione, per un missile, secondo quella immagine che assieme ad altre arriva direttamente da Mosca per una mostra di propaganda contro la Nato.

La Torre di Pisa diventa un lanciamissili

Ovviamente non sono mancate le polemiche ed anche i giudizi molto netti contro quegli accostamenti davvero irrituali, polemiche da ogni angolo del pianeta. La Torre di Pisa è uno dei monumenti più fotografati e riprodotti di sempre, ma all’interno del museo di storia contemporanea moscovita si trasforma in un lanciamissili. La mostra ha un titolo che dà la chiave di lettura: “Cronaca delle crudeltà della della Nato”, è stata inaugurata il 26 aprile ed è ricca di tele e litografie e composizioni che dovrebbero dimostrare il “male atlantico”.

Il simbolo del dollaro sotto la torre

Fra essi anche la Torre Pendente che, sorretta dal simbolo del dollaro e inclinata come la rampa di lancio di un missile, diventa complice di presunti abomini invece che icona di bellezza. In esposizione ci sono foto d’archivio e filmati delle collezioni di Tass e Mia Rossiya Segodnya, poi documenti storici, manufatti digitali e opere d’arte dalla collezione del Museo di Storia Contemporanea della Russia. Le epoche non sono solo quella della Guerra Fredda ma anche periodi storici su conflitti più recenti che hanno visto impegnata la Nato: Jugoslavia, Iraq, Afghanistan e Siria.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli