La proposta di Bertolaso: "A Milano vaccini anche in metropolitana"

·1 minuto per la lettura

Nella settimana dell'ok alla terza dose dopo 5 mesi dal completamento del primo ciclo vaccinale è partita l'ulteriore campagna di sensibilizzazione alla prima somministrazione, che in tanti in Italia non hanno ancora ricevuto.

Con l'arrivo del Super Green pass e le ulteriori restrizioni ai non vaccinati sarà di certo corsa al siero, con le grandi città che si stanno attrezzando per rispondere presente alla chiamata. Tra queste c'è anche Milano, dove il responsabile della campagna anti-Covid in Lombardia Guido Bertolaso si è detto pronto ad ampliare la rete dei centri vaccinali nel capoluogo.

Intervistato dal Corriere della Sera Bertolaso ha infatti svelato: "Il generale Francesco Figliuolo mi ha garantito che abbiamo tutte le dosi necessarie per spingere forte in questo mese. Da lunedì inizia la battaglia di dicembre. Lunedì faremo 60 mila terze dosi, ma a dicembre il target quotidiano salirà a 100 mila. Sarà una progressione".

"Stiamo preparando centri vaccinali diversi. D’estate eravamo soprattutto nei poli espositivi che erano chiusi e quindi riservati a noi. Grazie proprio a quei vaccini ora ospitano eventi in presenza. Qualche giorno fa ho chiesto al sindaco di Milano Beppe Sala la Fabbrica del Vapore. Mi ha risposto che l’agenda è piena di contratti. Funzionano bene e io non voglio certo frenare l’economia lombarda".

Poi il retroscena: "Abbiamo già individuato alcune stazioni della metropolitana in città e dei centri commerciali. A breve sblocchiamo tutto perché la sfida si gioca davvero adesso. Serve un mese, ma fatto bene. A me non serve vaccinare a febbraio, sarebbe tardi. Con 2 milioni e mezzo di terze dosi prima di Natale abbattiamo il picco".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli