La provocazione di Borghi: "E la violenza del tampone non si condanna?"

·1 minuto per la lettura
(Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)
(Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)

Il deputato leghista Claudio Borghi ieri sera, su Twitter, condannava l’assalto alla Cgil da parte dei ‘no green pass’, chiedendo una condanna speculare anche per la “logica geniale del green pass”, illustrata in un video dal ministro Renato Brunetta.

Nel filmato, ritwittato da Borghi, l’esponente forzista spiega che la logica dietro all’obbligo di certificato verde è “aumentare per gli opportunisti il costo della non vaccinazione”, imponendo il “costo psichico, monetario e organizzativo” dei tamponi. “Già che condanniamo giustamente tutto, questa violenza psicologica la ricordiamo?”, si chiede allora Borghi. “Non ho ancora sentito nessuna scusa. Il diritto al lavoro dovrebbe essere considerato meglio di così. Sono sicuro che la Cgil concordi”, aggiunge

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Leggi anche...

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli