La pulizia etnica dei talebani in Afghanistan

·2 minuto per la lettura

AGI - Negli ultimi giorni i talebani al potere in Afghanistan dalla scorsa estate avrebbero deportato forzatamente oltre 1.000 persone nei territori settentrionali del Paese, come riferiscono varie fonti. Il governo fondamentalista afghano avrebbe deciso l'operazione per liberare circa 20mila acri di terra, su cui erano stanziate diverse comunità di etnia uzbeka e turkmena

Gli stessi deportati raccontano che guerriglieri talebani di etnia pashtun li hanno prelevati dalle loro case, per condurli nella provincia di Djausdjan. Già da tempo erano iniziate le azioni di forza da parte talebana contro centinaia di famiglie di khazari sciiti in cinque provincie del Paese.

L'intenzione degli "studenti di dio", tornati al potere a 20 anni dall'invasione Usa, è quella di ridistribuire le terre ai loro sostenitori e punire i settori della popolazione che appoggiavano il governo precedente, appoggiato dagli Stati Uniti e dagli altri alleati occidentali.

Testimoni raccontano di essere stato deportati a Darzab, un villaggio sperduto del Djausdjan. A loro dire, le autorità della provincia hanno promesso di inviare una delegazione per investigare su questa "occupazione illegale" di territori abitati, ma finora non si è visto nessuno. "Eravamo padroni della nostra terra da centinaia di anni, la dividevamo tra i membri della comunità, e ora ci è stata sottratta", afferma Abdullah. Un'altra voce, quella di Faizullah, conferma che "non abbiamo potuto opporci, altrimenti ci avrebbero ucciso".

Il rappresentante dei nomadi pashtun a Djausdjan, Gulam Sarvar Alizaj, sostiene che spesso nascono discussioni per l'incertezza dei diritti di proprieta' sulle terre, che sarebbero in realta' dello Stato, nonostante le rivendicazioni dei locali. Gli stessi nomadi rivendicano il diritto di tornare sui pascoli da cui erano stati scacciati 20 anni fa, e che uzbeki e turkmeni "hanno occupato cercando di coltivarli, pur essendo terreni infruttuosi".

Ora si invoca la decisione dei consigli tribali, a cui dovrebbero partecipar cinque persone per ogni parte in causa.(AGI)Nic (Segue) (AGI) - Roma, 16 dic. - Il governo talebano ha rifiutato di commentare il caso, che ha evidenziato quanto i problemi interni del nuovo Afghanistan ricalchino i conflitti etnici e tribali secolari di questo territorio. La stragrande maggioranza dei capi talebani è di etnia pashtun, e ora cerca di imporsi su tutti gli altri gruppi.

Non è facile districarsi negli equilibri interni a queste lotte, anche perche' da molti anni non viene tenuto alcun censimento della popolazione; l'ultimo tentativo in questo senso è stato fatto negli anni '70, senza dare risultati affidabili.

Secondo le cifre di allora, i pashtun costituirebbero circa il 40% dell'intera popolazione afghana, seguiti dai tagiki (meno del 30%), dai khazari e dagli uzbeki (circa 10%), più altre minoranze. Per fuggire dalle occupazioni della Russia zarista e sovietica, nel passato diversi gruppi etnici erano giunti in Afghanistan; nell'ultimo trentennio la situazione si e' ulteriormente ingarbugliata.

I leader dei Paesi centrasiatici, come Tagikistan e Uzbekistan, chiedono ai talebani di creare strutture amministrative "inclusive" per affrontare finalmente queste problematiche interne, senza avere avuto finora alcuna soddisfazione. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli