La questione Segre, tra commissione e scorta, su Twitter

Kpi6 per Agi

Tutto è iniziato in Senato, il 30 ottobre, quando è stata approva la mozione Segre con 151 sì e 98 astenuti per istituire la Commissione contro odio, razzismo e antisemitismo. Poi altre cose importanti sono accadute, innescando discussioni e polemiche su Twitter: martedì mattina uno striscione provocatorio di Forza Nuova è apparso di fronte al Municipio 6 a Milano, poco prima che iniziasse l'incontro di Liliana Segre con gli studenti del quartiere. Fino ad arrivare all'assegnazione della scorta a causa delle numerose minacce ricevute. Ora due carabinieri accompagneranno la senatrice di 89enne, che fu deportata nel campo di concentramento di Auschwitz quando aveva 14 anni.​

 

La somma di tutti questi avvenimenti ha prodotto tantissimi contenuti su Twitter: 46mila tweet e oltre 237 mila condivisioni e più di 4 mila hashtag utilizzati, con una distribuzione pressoché omogenea in tutta Italia. Leggera prevalenza su due grandi aree metropolitane come Milano (dove risiede Segre) e Napoli. Un tema che scalda l'audience persino di più del taglio dei parlamentari (25 mila conversazioni pubblicate). Suddividendo l'analisi delle emozioni e delle reazioni sui diversi aspetti della vicenda, come si nota dal grafico, la solidarietà alla senatrice è prevalente su Twitter rispetto alle critiche alla commissione che presiede. Scorta alla senatrice, ma la Lega chiede l'esercito per Salvini

 

Ovviamente i politici si schierano, chi incondizionatamente al fianco della senatrice, chi invece facendo distinzioni e paragoni. La Lega, il cui account è il maggior produttore di contenuti (20%) sulla vicenda, confronta la situazione della senatrice Segre con quella del suo leader Matteo Salvini, chiedendo la protezione dell'esercito privato per quest'ultimo.  

Se la Segre avrà la scorta allora Salvini (e non solo) dovrebbe avere un esercito privato?https://t.co/60pih5AhfE

— Lega - Salvini Premier (@LegaSalvini) November 8, 2019

Boldrini (32%) e Zingaretti (16%) sono i più ritwittati, esprimendo totale solidarietà alla senatrice Segre, ma in generale è tutto il fronte progressista unito, con Cirinnà, Orfini, Fratoianni e anche i renziani Teresa Bellanova e Davide Faraone. Giorgia Meloni, con il 10% dei retweet, condivide un video del giornalista Nicola Porro che esprime un giudizio molto severo sulla commissione.

La scorta a Liliana Segre dimostra che tutto quello per cui si sta battendo, dall'odio all'antisemitismo, è ancora vivo e va sconfitto.

Cara Liliana, non sarai sola.

Nelle tue battaglie, contami sempre al tuo fianco#LilianaSegre



— laura boldrini (@lauraboldrini) November 7, 2019

 

Ringrazio i sindaci, a partire da @matteoricci e @BeppeSala, per la mobilitazione delle città italiane contro l'odio e il razzismo, a sostegno di una grande italiana come Liliana #Segre. Ottima iniziativa, perché ci ricorda che tutti e tutte possiamo fare qualcosa pic.twitter.com/YwV2EOFTEr

— Nicola Zingaretti (@nzingaretti) November 7, 2019

 

La verità sulla Commissione Segre: “Chi decide cosa è giusto o sbagliato dire?”
Ascoltate bene l'analisi di @NicolaPorro! pic.twitter.com/pWLgJTAfQO

— Giorgia Meloni ن (@GiorgiaMeloni) October 31, 2019