La rabbia di Franco Grillini: "Ho un tumore, con il taglio dei vitalizi non potrò pagarmi l'assistenza"

Huffington Post

"Quando hai un tumore ti vendi pure le mutande. Oltre alle cure che ricevi, pagate per fortuna dallo Stato, ci sono mille spese collaterali. Con questo taglio non potrò più avere l'assistenza, che fino a oggi mi pagavo io, come tutti i cittadini sia ben chiaro. Ma io ho seguito le leggi e, così come tanti altri, non ho pensato a crearmi delle garanzie alternative". A dirlo, in un'intervista al Corriere di Bologna, è lo storico attivista per i diritti degli omosessuali ed ex parlamentare, Franco Grillini, che è stato colpito da un mieloma multiplo. Ha annunciato che anche lui ricorrerà, come faranno altri suoi ex colleghi, contro il taglio dei vitalizi varato dalla Camera.

Grillini rivendica il proprio lavoro alle Camere: "in Parlamento ho lavorato come un matto, sempre presente in commissione, non so nemmeno quante leggi ho contribuito a scrivere" ha detto.

In seguito alla delibera sui vitalizi, perderà quasi la metà del suo introito da ex deputato. Per lui, infatti, è previsto un taglio del 47%: passerà dagli attuali 4.725 euro lordi a 2.486 euro. "Passerò il tempo che mi resta a fare ricorsi, che potranno durare anche dieci anni. Chissà se ci arriverò", ha detto Grillini spiegando come "questa vicenda sarebbe stata risolta dalla biologia. Tanti ex parlamentari hanno tra i 70 e i 90 anni. Potevano farli morire in pace, anche perché ai tempi le leggi erano quelle. Ora questa riduzione drastica rischia di buttare tante persone nell'indigenza".


Continua a leggere su HuffPost