La ragazza di 20 anni sta bene e ora dovrà affrontare una percorso di riabilitazione

stati uniti trapianto polmoni covid

Il Northwestern Medicine University Hospital di Chicago, negli Stati Uniti, ha effettuato il primo trapianto doppio di polmoni su una paziente colpita dal Covid-19. L’intervento, in realtà, sarebbe avvenuto qualche giorno fa, ma il nosocomio lo avrebbe comunicato solo oggi aggiungendo che la paziente, una ragazza di circa vent’anni, è in buone condizioni. Il trapianto è stato reso necessario dal fatto che la giovane era in pericolo di vita in quanto da 2 mesi respirava solo con l’ausilio delle macchine. Ora la ragazza sta meglio, ma la strada della sua riabilitazione sarà molto lunga.

Covid-19: negli Stati Uniti trapianto di polmoni

Secondo quanto riferito al New York Times dalla dottoressa Ankit Bharat, capo della chirurgia toracica e direttore chirurgico del programma di trapianto di polmoni al Northwestern Medicine University Hospital, l’intervento sarebbe andato avanti per 10 ore in quanto l’infiammazione aveva danneggiato fortemente i polmoni della paziente e il virus aveva anche molto indebolito i muscoli toracici della donna, che per questo ha bisogno ancora di un ventilatore.

Anche in Italia, al Policlinico di Milano, nelle scorse settimane erano stati trapianti entrambi i polmoni ad un 18enne in quanto il Covid-19 aveva fortemente compromesso i suoi. Come sottolineato però dalla dottoressa Bharat, il trapianto “non è per tutti i pazienti Covid”. “Stiamo parlando di pazienti relativamente giovani, molto funzionali, con condizioni comorbide minime o assenti, con danni polmonari permanenti che non riescono a staccarsi dal ventilatore”.