La reazione di Galli alla canzone dei colleghi

·1 minuto per la lettura
Massimo Galli
Massimo Galli

La performance di Bassetti, Crisanti e Pregliasco ha scatenato la polemica. Il collega Massimo Galli ha spiegato di essere rimasto basito.

Canzone dei virologi: la polemica

Sì sì sì sì sì vax vacciniamoci. Il Covid non ci sarà più se ci aiuti anche tu” è la canzone che hanno cantato Matteo Bassetti, Andrea Crisanti e Fabrizio Pregliasco a “Un giorno da pecora” su Radio Uno Rai. Sulle note di Jingle Bells, i virologi hanno pensato che questa canzone potesse convincere le persone a vaccinarsi. In realtà ha scatenato un’accesa polemica, soprattutto sul web. La maggior parte delle persone pensa che la loro performance sia stata fuori luogo, soprattutto tenendo conto del loro ruolo. La canzone non è piaciuta e ha scatenato numerose polemiche.

Canzone dei virologi, Galli: “Meglio parlare di cose serie”

Il tempo è poco e forse vale la pena di parlare di cose serie…” ha commentato Massimo Galli, che non è sembrato particolarmente felice e soddisfatto per l’esibizione canora, considerata da molti imbarazzante, dei suoi colleghi. Lo stesso Galli è sembrato abbastanza polemico riguardo questa performance in cui si sono cimentati Bassetti, Crisanti e Pregliasco, che ha scatenato gli utenti del web.

Canzone dei virologi, Galli: “Sono basito”

Ai tempi belli avrei potuto intonare una romanza d’opera… Mi fa sentire il coro? Santo cielo… Sono basito e anche divertito: trovo che i colleghi abbiano avuto spirito, abbiano tentato in tutti i modi di convincere la gente a vaccinarci. Non so quanto possano riuscire a convincere così” ha commentato Massimo Galli a L’Aria che Tira, poco convinto che l’esibizione canora possa spingere le persone a vaccinarsi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli