La regina Elisabetta raccontata in un libro dal suo fotografo

·2 minuto per la lettura

Da oltre 20 anni Chris Jackson, originario della città di Monmmouth, ai confini tra Galles e Inghilterra, è il fotografo ufficiale della famiglia reale inglese. Matrimoni, battesimi, cerimonie pubbliche e private, viaggi all'estero. Sempre presente, attento, mai invadente, un passo indietro dinanzi ad eventi e celebrazioni storiche, perché ogni volta, ha recentemente confessato in una intervista ad un settimanale francese, "bisogna sempre lavorare rubando minuti, nell'ombra, solerte, velocissimo". Il grande fotografo inglese ha firmato il libro 'Elizabeth II, a queen for our time' (edizioni Rizzoli) in uscita in Inghilterra.

"Le foto consacrate alla royal family sono un favoloso mixer di realismo, di attenzione al cerimoniale e all'etichetta. Ogni scatto deve però saper immortalare anche la loro segreta umanità. E' quello che cerca il pubblico, è quello che ama il pubblico".

Nel corso dell'intervista a Point de Vue, Chris Jackson si è soffermato sulla sua lunga amicizia con la duchessa di Cornovaglia, moglie dell'erede al trono. "Sono anni che ritraggo la duchessa di Cornovaglia -ha dichiarato ancora - Donna con uno spiccato sense of humour, lungimirante. L'ho accompagnata nei suoi viaggi in Amazzonia, in Giappone, in Australia, in Nuova Zelanda. Si è creato un legame tra di noi, un'amicizia. E le sue foto, così naturali, quasi rilassate, lo dimostrano".

Vent'anni di onorato lavoro all'interno della 'firm', la 'ditta' della famiglia reale inglese. "Mi diverto a fotografare i bambini - ha continuato nei suoi ricordi Chris Jackson - A volte mi ritrovo a sorridere dietro l'obiettivo della macchina. E mi commuovo, è successo più volte. E' accaduto, per esempio, quando ho fotografato la regina Elisabetta e il principe di Edimburgo mentre camminavano su un prato di papaveri, simbolo dei caduti della Grande Guerra, o gli ultimi scatti dei sovrani, insieme, nel 73esimo anniversario del loro matrimonio, qualche settimana prima che il duca di Edimburgo ci lasciasse".

"Un uomo straordinario, il principe Filippo - ha proseguito l'autore di 'Elizabeth II, a queen four our time' - Spero che le mie foto possano restituire tutto quello che lui rappresentava, la sua dignità, il suo humour, la sua straordinaria energia, la classe e lo stile con i quali ottemperava a tutti i suoi impegni, l'amore per la sua famiglia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli