La Regina Elisabetta rifiuta premio Anziana dell'Anno: "Vecchio è chi si sente tale"

·1 minuto per la lettura
- (Photo: Samir HusseinWireImage)
- (Photo: Samir HusseinWireImage)

“Vecchio è chi vecchio si sente”: così la Regina Elisabetta ha rifiutato il premio in onore dell’“Anziana dell’anno” indetto dalla rivista The Oldie. Gentile ma decisa, la sovrana ha fatto scrivere una lettera al magazine destinato agli anziani, che da 29 anni assegna il titolo alle persone più in là con gli anni che ricoprono un particolare ruolo nella società.

“Sua Maesta’ - ha scritto il suo segretario particolare, Tom Laing-Bake - crede che uno abbia gli anni che si sente e, in quanto tale, la regina non ritiene di rispondere ai criteri pertinenti per accettarlo. Si augura dunque che voi troviate un destinatario più adatto”.

Un rifiuto “educato ma intransigente” lo definisce Gyles Brandreth, scrittore, commentatore televisivo e amico del principe Filippo, che è anche coordinatore del riconoscimento. “Forse torneremo ad offrirle il premio tra qualche anno”, ha detto Brandreth spiegando che l’idea di assegnarlo alla regina Elisabetta era all’attrice Maureen Lipman, già Dama dell’impero, visto che nel corso della pandemia la sovrana si è dimostrata un modello per i sudditi, dovendo anche affrontare la morte del marito con grandissima forza.

Intanto, nelle ultime ore, la sovrana è stata costretta a cancellare una visita di due giorni in Irlanda del Nord dopo che i suoi medici l’hanno invitata a “stare a riposo per qualche giorno”. Lo annuncia un comunicato di Buckingham Palace citato dai media britannici. “La regina Elisabetta ha accettato a malincuore il consiglio dei medici. È di buon umore e dispiaciuta di non poter visitare l’Irlanda del Nord”, si legge in una nota.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli