La regista Dell'Olio: "Docufilm su Zeffirelli, affascinata dalla sua figura di uomo e di artista"

·1 minuto per la lettura

"Ci conoscevamo, ci eravamo simpatici, ma soprattutto sono sempre stata affascinata dalla sua figura di uomo e di artista". E' quanto sottolinea all'AdnKronos la regista Anselma Dell'Olio che dirige il docufilm 'Zeffirelli, il conformista ribelle' di cui sono iniziate le riprese e che andrà nelle sale nel 2023 in coincidenza con il centenario di nascita del Maestro, "amatissimo all'estero e nel mondo dell'opera e contestatissimo in Italia e nel mondo del cinema", ricorda.

Conformista ribelle suona quasi come un ossimoro... "Ma lui era proprio così - conferma Dell'Olio - antifascista e partigiano ma conservatore, inviso alla destra nostalgica e alla sinistra ufficiale, omosessuale e cattolico, gay ma contro i matrimoni fra persone dello stesso sesso e antiabortista, allievo di Visconti ma emancipato dalla sua figura, senza farsi scalfire dalle posizioni politiche del 'conte rosso'... appunto: un conformista ma ribelle, soprattutto un uomo che è sempre rimasto fedele a sé stesso, non un intellettuale ma un raffinato esteta".

Per il docufilm, "oltre a un ricco materiale di repertorio, realizzeremo riprese nella sua Firenze e a Roma. Alla sua città natale era molto legato, persino alla sua squadra di calcio; e a Roma nella sua villa sull'Appia Antica viveva e ospitava grandi personalità e anche anziane attrici in difficoltà economiche: era mondano e generosissimo ma non un 'buonista'. Fiorentino fino al midollo, ma al tempo stesso mai provinciale ma con uno spirito universale, amante dell'Italia ma con un respiro internazionale".

(di Enzo Bonaiuto)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli