La regista tedesca Ina Weisse: "No all'ostracismo contro gli artisti russi"

·4 minuto per la lettura

(Adnkronos) - "In tutta questa tragedia che stiamo vivendo c'è una cosa che però non capisco e a cui sono contraria ed è l'ostraicismo verso gli artisti russi. Non sono d'accordo perché gli artisti portano bellezza nel mondo e perché nel mio lavoro io mi ispiro anche ai maestri russi". Lo ha detto la regista tedesca Ina Weisse presentando a Roma 'L'audizione', il suo secondo lungometraggio (già presentato in anteprima mondiale al 44° Toronto International Film Festival, al festival di San Sebastian, dove l’attrice protagonista Nina Hoss ha vinto il premio per l’interpretazione e al Bif&st 2020), che uscirà nelle sale italiane giovedì 5 maggio, distribuito da Pier Francesco Aiello per PFA Films ed Emme Cinematografica.

La regista ha spiegato anche di vivere da vicino l'esperienza dell'accoglienza dei rifugiati ucraini, "non direttamente ma all'interno della mia famiglia, perché mio fratello ospita una famiglia ucraina, naturalmente senza il padre, che è dovuto rimanere in Ucraina per combattere", ha aggiunto la regista che ne 'L'audizione' racconta il mondo della musica in un intreccio drammatico di relazioni familiari e sociali.

La storia è quella di Anna Bronsky (interpretata dalla grande Nina Hoss), una severa insegnante di violino in un liceo musicale a Berlino. È sposata con il liutaio francese Philippe Bronsky (Simon Abkarian) e insieme hanno un figlio di 10 anni, Jonas (Serafin Mishiev), che frequenta la stessa scuola. La relazione con suo marito sembra sgretolarsi e Anna è alla ricerca di nuove sfide nella sua piuttosto noiosa vita familiare (che comprende anche i suoi genitori anziani) e professionale.

Durante gli esami di ammissione annuali della scuola, Anna rimane affascinata dal talento di un candidato, Alexander Paraskevas (Ilja Monti), al punto che si mette contro tutti gli altri insegnanti per ammetterlo. Mentre Anna prepara Alexander per gli esami intermedi, lui diventa rapidamente la sua nuova fissazione. Trascorrendo la maggior parte del tempo con lui e concentrandosi ampiamente sul suo miglioramento, inizia a trascurare la sua famiglia anche più di prima, mettendo il suo dovere al di sopra dell'amore per suo marito e suo figlio. La pressione aumenta ancora quando il suo collega e amante segreto Christian Wels (Jens Albinus) la invita a esibirsi in un quintetto e la sua esibizione si rivela un disastro. Dopo questo evento umiliante, Alexander diventa l'unico obiettivo di Anna e la distanza tra lei e la sua famiglia cresce drammaticamente. Fin quando arriva il giorno dell’esame e gli eventi prendono una svolta inattesa…

'L’audizione' ruota attorno ad Anna, tutto è orchestrato intorno a lei, il ritmo del film segue l'evoluzione del personaggio così come la colonna sonora, che bilancia l'era barocca di Bach (Il Presto, la Ciaccona, ecc.) con la battaglia moderna di una madre, insegnante e donna che non chiede altro che la perfezione.

Per Ina Weisse “Anna ha standard alti, è una perfezionista implacabile e lotta per tutto questo, il suo allievo è come un’estensione del suo braccio e più che preoccuparsi del suo futuro Anna è più preoccupata per se stessa. Il mondo della musica, in questo senso, che è molto orientato alla competizione per raggiungere l’eccellenza, era lo sfondo ideale per raccontare questa storia, per descrivere questo personaggio”.

E aggiunge: “L’Audizione parla di Anna e della sua famiglia. La famiglia è la cellula sociale più piccola in cui si incontrano desideri e idiosincrasie diverse, e porta inevitabilmente a conflitti di interesse, soprattutto quando nessuno è disposto a fare un passo indietro. Quindi, se per qualcuno è difficile funzionare su una scala così piccola, quanto può essere complicato su una scala più ampia”?

L’audizione è dominato dall'imponente performance di Nina Hoss, da vent'anni una delle più grandi attrici della sua generazione. In teatro è stata particolarmente apprezzata la sua interpretazione della Medea di Euripide, al Deutsches Theater, e dal 2013 è entrata a far parte della Schaubühne di Berlino, diretta da Thomas Ostermeier. Nel cinema è la musa ispiratrice della new wave tedesca, dominata da Christian Petzold, con il quale ha girato sei film. Per la regista “Nina Hoss ha fatto suo il personaggio di Anna e l’ha interpretato con grande empatia”.

Tra le curiosità del film, la canzone che Philippe Bronsky canta all’inizio, 'Le Temps des Cerises', che era l’inno della Comune di Parigi. Co-sceneggiato da Ina Weisse e Daphne Charizani, che aveva collaborato anche al suo debutto da regista Der Architek, 'L’audizione' è una coproduzione tedesco-francese di Felix von Boehm per la compagnia berlinese Lupa Film con Idéale Audience, in associazione con Port-au-Prince Pictures, ZDF, Arte Deutschland, German Federal Film Fund (DFFFF), MBB, MDM, CNC/FFA Mini-Traite e Panoptimo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli