La ricostruzione della coppia è stata giudicata veritiera

·2 minuto per la lettura
nicola-tanturli
nicola-tanturli

I genitori di Nicola Tanturli non hanno nessuna responsabilità penale. Lo ha scoperto l’Ansa tramite fonti inquirenti. Il racconto fatto dai genitori del piccolo è stato giudicato veritiero e ha ottenuto riscontri.

Bambino scomparso nel Mugello: nessuna responsabilità penale per i genitori

Non sarebbero state riscontrate responsabilità penali nei confronti dei genitori di Nicola Tanturli, bambino scomparso nel Mugello e ritrovato due giorni dopo nei boschi. Ad apprendere la notizia è l’Ansa, da fonti inquirenti. Secondo quanto è emerso, dagli atti delle verifiche fatte dai carabinieri, non emergono comportamenti penalmente rilevanti a carico della coppia di genitori. La ricostruzione di quanto accaduto, così come riportato dai genitori, è stata giudicata veritiera ed è stata riscontrata. Non ci saranno, dunque, responsabilità penali per la mamma e il papà del piccolo Nicola Tanturli, di soli 21 mesi.

Bambino scomparso nel Mugello: l’inchiesta della Procura

La Procura ha aperto un’inchiesta, senza indagati e senza ipotesi di reato. Un atto dovuto, dopo la scomparsa del piccolo Nicola Tanturli. Alcuni punti erano da chiarire. Tra questi il ritardo nell’allarme lanciato dai genitori del piccolo, che hanno avvertito i soccorsi nove ore dopo la sua scomparsa. La coppia ha spiegato di essere convinta di poter trovare da sola il bambino, nella convinzione che non potesse essersi allontanato così tanto. Anche la presenza dei sandalini ai piedi del piccolo deve essere chiarita, visto che a soli 21 mesi Nicola è uscito di casa in piena notte, alzandosi dal letto. Inoltre, sono state trovate delle tracce di sangue davanti alla porta del casolare della famiglia. Tutti punti che la Procura ha deciso di chiarire.

Bambino scomparso nel Mugello: la scomparsa del piccolo

Sono stati due giorni e due notti di grande apprensione e di grande paura. Il piccolo Nicola è uscito di casa in piena notte, probabilmente per andare a cercare i genitori. La mamma era nella stalla, mentre il papà si trovava fuori. Fino a mezzanotte non si sono resi conto che il piccolo era scomparso. Ha camminato per ben 3 km in mezzo ai boschi, ma fortunatamente dopo due giorni è stato trovato vivo da un giornalista de La Vita in diretta e riconsegnato ai suoi genitori. Un’avventura davvero incredibile per il bambino, ma anche un grande spavento per la sua famiglia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli