La ricostruzione delle ore di paura della mamma di Chiara: "Ho chiamato il suo assassino e mi ha mentito"

·2 minuto per la lettura
Chiara Gualzetti (Photo: InstagramANSA)
Chiara Gualzetti (Photo: InstagramANSA)

“Nel primo ci sono loro due che salgono. Quando Chiara si gira due volte verso casa è con me che sta parlando. Le stavo dicendo di non fare tardi, che doveva portare fuori il cane”. Non si dà pace la mamma di Chiara Gualzetti, la giovane uccisa a coltellate da un suo coetaneo. In un’intervista al Corriere la donna spiega:

“Mi crede se le dico che sto ancora aspettando che torni a casa? Forse sto impazzendo. Mi ritrovo a pensare che da un momento all’altro tornerà, mi prenderà un po’ in giro come faceva sempre e si metterà a giocare con il cane”.

Un dolore insopportabile quello di mamma Giusy, 56 anni, “era la mia unica figlia, adorata. Sapeva che non doveva mai spegnere il cellulare, che mi arrabbiavo se non rispondeva a un WhatsApp”.

E proprio dal cellulare spento, il suo istinto le dice che qualcosa è successo alla sua bambina adorata. Nell’intervista a Corriere racconta distintamente quelle ore di dubbi e paure:

“Quella mattina doveva tornare dopo una mezz’oretta. Tardava e ho provato a chiamarla. Niente. Telefono spento. Le ho mandato un WhatsApp, ho visto che non l’ha ricevuto e in quel preciso istante mi sono svuotata”.

Ha cercato di chiamare il ragazzo che era con Chiara con il quale la ragazza era già uscita altre volte (“un filarino da adolescenti”). Dopo ore di ricerche finalmente riesci a parlare con la madre del giovane che poi si rivelerà l’assassino di sua figlia:

“Le ho chiesto: mi dai il numero di tuo figlio perché Chiara è uscita con lui e non torna. E lei: mio figlio è qua con me. Sono morta, appunto. Me lo ha passato e gli ho detto: abbi pazienza: sei andato via con lei, tu sei tornato a casa e mia figlia no. Dov’è? Mi ha risposto che si doveva incontrare con uno conosciuto su Internet e mi ha detto anche verso quale sentiero era andata. Bugie...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli