"La riforma della Giustizia arriverà prima del referendum di Salvini"

·Politics reporter, L'Huffington post
·2 minuto per la lettura
Roma 27/12/2019, il Partito Democratico presenta la propria proposta di legge in materia di prescrizione. Nella foto Anna Rossomando (Photo: Pierpaolo ScavuzzoPierpaolo Scavuzzo / AGF)
Roma 27/12/2019, il Partito Democratico presenta la propria proposta di legge in materia di prescrizione. Nella foto Anna Rossomando (Photo: Pierpaolo ScavuzzoPierpaolo Scavuzzo / AGF)

“Inviterei Matteo Salvini a lasciare lavorare i suoi parlamentari nelle commissioni invece che mandarli a fare propaganda nelle strade”. La senatrice Anna Rossomando, responsabile giustizia del Pd e vicepresidente del Senato, interviene sulla riforma del processo civile e penale e ha pronto un disegno di legge costituzionale che interviene sul Csm: “Prima dell’apertura della sessione di bilancio dobbiamo approvare le riforme su penale e civile in entrambi i rami del Parlamento, altrimenti perdiamo i soldi del Recovery. E la riforma del Csm, anche alla luce del caso Amara e prima ancora del caso Palamara, non è rinviabile”.

La magistratura è dilaniata da scontri di potere. E il caso Amara dimostra che è stato violato il segreto istruttorio, che ci sono delle anomalie. Lei, senatrice Rossomando, ha presentato un’interrogazione al ministro della Giustizia Cartabia. Vi aspettate una presa di posizione netta?
Doverosamente abbiamo chiesto alla ministra di riferire su quali iniziative intenda assumere affinché venga fatta chiarezza sulla vicenda. Abbiamo chiesto che il Parlamento venga informato su questi ultimi fatti di cronaca che ingenerano turbamento e inquietudine nei cittadini. Le Camere hanno il dovere di chiedere chiarezza. Questi fatti, che si aggiungono ad altri, sono la rappresentazione della degenerazione del correntismo, del potere per il potere e anche di una di una certa autoreferenzialità. Sia chiaro che la nota vicenda Palamara non ha niente a che vedere con il necessario pluralismo delle idee e con il lavoro della stragrande maggioranza dei magistrati. Ma non si può difendere l’esistente, oggi abbiamo un’occasione su questo tema specifico, qui ed ora, mai come adesso il Parlamento è la sede del qui ed ora per una vera riforma della Giustizia. Abbiamo in discussione la riforma del processo civile, penale e del Csm. Tutti e tre i provvedimenti sono già nel...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.