La rilevazione finale prima della norma di “par condicio” vede un ulteriore scatto in avanti di FdI

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Le elezioni politiche del 25 settembre 2022 sono ormai davvero alle porte ed erano molto attesi i risultati degli ultimi sondaggi pubblicabili prima del voto. La rilevazione finale prima della norma di “par condicio” vede un ulteriore scatto in avanti di FdI, un calo del Partito Democratico ed un trend decisamente positivo per il Movimento 5 Stelle.

I risultati degli ultimi sondaggi pubblicabili

Da domani, sabato 10 settembre, scatterà il silenzio demoscopico previsto per legge nei quindici giorni prima del voto. La legge sulla cosiddetta par condicio vieta che in questo periodo siano diffusi “sondaggi demoscopici sull’esito delle elezioni e sugli orientamenti politici e di voto degli elettori”. I dati di rilievo sono tutti condensabili nella crescita di aumento di FdI, del M5S e del Terzo Polo e nella flessione del Pd e della Lega.

Fratelli d’Italia più primo che mai

Il partito guidato da Giorgia Meloni consolida il primato: ha il 25,1% delle preferenze e cresce dell’1,1% rispetto a fine agosto e di ben 5,1% rispetto a fine giugno. Il Pd ha il 20,5% ed è secondo, tuttavia ha perso il 2,5% dei consensi. Il M5S supera la Lega e si attesta al 14,5% (+1,1% rispetto a fine agosto). Il Carroccio è al 12,5%, in calo di 0,9%. Seguono Forza Italia, stabile all’8% e il Terzo polo con il 6,7% (in crescita di 1,7%). Tra le altre forze politiche, ad oggi supererebbero la soglia di sbarramento del 3% solamente l’alleanza Verdi, Sinistra e Reti civiche (3,4%) e Italexit (3%).