La rivincita di Elodie: "I miei ex soffrivano del mio successo"

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
SANREMO, ITALY - FEBRUARY 04: Elodie Di Patrizi aka Elodie attends the 70° Festival di Sanremo (Sanremo Music Festival) at Teatro Ariston on February 04, 2020 in Sanremo, Italy. (Photo by Daniele Venturelli/Getty Images)
(Photo by Daniele Venturelli/Getty Images)

Un anno d’oro per Elodie che, nonostante il lockdown e l’emergenza coronavirus, sta accompagnando l’estate degli italiani con i suoi tormentoni. Da Andromeda, passando per Guaranà e Ciclone, la cantante romana lanciata da “Amici” è pronta a conquistare tutto e tutti.

VIDEO - Chi è Elodie

“Ero carica come un’atleta. Poi sono stata fermata dal lockdown, come tutti, ma sono tornata sul palco appena si è potuto. Ho una squadra tutta al femminile, sono così orgogliosa di queste ragazze bravissime, una dj e due cantanti che non voglio siano solo coriste, ma protagoniste assieme a me. Mi piace lavorare con loro perché noi donne ci capiamo. Abbiamo bisogno, specie in questo periodo, di imparare a giocare in squadra come gli uomini fanno da sempre” ha svelato la cantante in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

Di origini creole, la cantante classe ‘90 è tornata anche sul passo falso dell’amico Sergio Sylvestre nella serata della finale di Coppa Italia quando anche Salvini ci andò giù pesante: “Quando hai un ruolo politico hai un megafono. E se offendi gratuitamente qualcuno scatenando odio ti assumi una grande responsabilità. Non mi piace come la Lega cerca di accalappiare voti. Vorrei avere dei veri punti di riferimento a rappresentarci”.

VIDEO - Elodie, Fedez e Alessandra Amoroso difendono Sergio Sylvestre

Poi la rivincita su chi voleva tappargli le ali: “Sono stata educata a essere libera, ma tutti i giorni devo combattere contro il pregiudizio. Discuto sempre, anche con gli ex. È capitato che soffrissero la determinazione, l’avere degli obiettivi, il guadagnare più di loro. Com’è possibile? Il mio successo non deve ledere la tua autostima, è un grave retaggio culturale. E le ragazze che verranno dopo non dovranno avere questo problema”.