La rivolta social contro Dazn per gli aumenti degli abbonamenti

no credit

AGI - Sui social esplode la rivolta contro l'aumento dei prezzi e le nuove condizioni di abbonamento annunciati da Dazn per la prossima stagione. Tra critiche, battute e hashtag, c'è chi ha postato la disdetta del proprio abbonamento e chi minaccia di farlo se non ci sarà un passo indietro da parte della piattaforma online che permette di vedere le partite di calcio di Serie A.

Il tema è diventato subito un 'trend topic' dai toni molto accesi. Dazn offrirà agli utenti due tipologie di abbonamento a costi diversi per attivare un profilo "standard" (29,99 euro) oppure "plus" (39,99 euro) che varia per il numero dei dispositivi registrabili e degli utenti contemporaneamente connessi.

I tweet che spopolano in rete hanno mostrato, una volta di più, la fantasia e la creatività italica nel momento in cui sono toccati nel portafoglio per quella che per molti è un'irrinunciabile passione.

Credo sia giunto il momento di porre fine alle esclusive sui diritti del campionato. Il calcio deve essere fruibile su più piattaforme. Sarà l'utente a scegliere quale vedere. In caso contrario l'appassionato sarà solo vittima di imposizioni tariffarie. #Dazn

— riccardo cucchi (@CucchiRiccardo) June 9, 2022

Ci sono le critiche più composte, di natura fattuale, con immancabile promessa di cancellazione: "Prezzo raddoppiato ma stessi contenuti, addio"; "Il pacchetto con soli due dispositivi nella stessa casa è utile solo a padre/figlio che tifano due squadre diverse che giocano in contemporanea, ridicoli"; "chiudono la mail con 'i nostri migliori saluti', bene anche i miei, per sempre".

Pure i miei #DAZN pic.twitter.com/PjeSKbcwjm

— Daniele De Angelis (@dandee_84) June 9, 2022

Fino a quelli più smaccatamente ironici: "Non si sorprendano se i tifosi preferiscono guardare la partita in streaming con la telecronaca in aramaico antico"; "Dazn ha appena fatto la miglior campagna pubblicitaria al 'pezzotto' che potesse mai essere fatta"; "O rinnoviamo Dazn o paghiamo il cartellino di Lukaku, impossibili entrambe".

Non mancano ovviamente le critiche sulla qualità del servizio: "40 euro al mese per vedere una rotellina che gira"; "collegamenti e qualita' pessimi, lag continui, e aumentano pure il prezzo". In questo caso la critica e' unifrome e trasversale. C'è chi poi ha iniziato a comparare i prezzi di Dazn negli altri Paesi europei: il caso più citato è la Germania dove il costo è di 29.99 euro (aumentato lo scorso febbraio) ma a fronte di un'offerta molto più ampia di eventi e campionati.

Poi, in coda, ci sono commenti infelici, sessisti, offensivi, che tirano spesso in causa Diletta Leotta, e che dimostrano come sia facile, sui social, oltrepassare i limiti della decenza.

Chiude la panoramica il messaggio di un utente che, oltre all'usare l'ormai immancabile hashtag #daznout, sottolinea: "Dazn ha avuto il merito di unire tutte le tifoserie, persino romanisti e laziali, nel desiderio che scompaia dalle televisioni nazionali".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli