La rivoluzione di Sveva Basirah: "Sono queer, femminista, musulmana, bianca, livornese e vegana. Parlo di sesso, porno e veli"

Maria Fioretti
Sveva Basirah

Sveva Basirah ha cucito l’Islam su se stessa. È una femminista intersezionale musulmana - che non accetta una e una sola interpretazione delle proprie esperienze - è una ventenne queer, bianca, occidentale e privilegiata. È una blogger, ideatrice del progetto “Sono l’unica mia”. Livornese, vegana e antispecista, è un’attivista che parla di sesso, porno e veli, che si impegna per i diritti della comunità Lgbtq, che aiuta le donne a curare le ferite degli abusi subiti e intanto si autocura, perché Sveva da un ex fidanzato violento si è liberata quando era ancora un’adolescente. 

 

Sveva Basirah

 Quello che è, Sveva Basirah se lo porta addosso. La sua conversione è avvenuta nel 2015, durante un’esperienza di volontariato con la Comunità di Sant’Egidio che l’ha vista impegnata nel sostegno allo studio di bambini e bambine, tutti di origine nordafricana e centrafricana. Si è incuriosita vedendo le famiglie che praticavano il Ramadan e ha cominciato a studiare, pur essendo sempre stata orientata tra l’ateo e l’agnostico: «Le mie vette di ateismo le ho raggiunte quando alle scuole medie avevo un compagno di banco religioso invasato, lì ho avuto proprio un rifiuto che si è sostanziato anche in virtù del fatto che in Italia la religione è quella cattolica e io sono sempre stata un’anticlericale. L’Islam è molto lontano dal Cattolicesimo, quello che mi interessava approfondire era questa distanza, ma soprattutto le differenze che esistono tra l’Islam praticato e quello teologico». 

Due anni e mezzo dopo aver cominciato questa personale ricerca, decide di dare ripetizioni di italiano agli stranieri nel suo quartiere. Un lavoretto, qualche lezione in cambio di un contributo simbolico: «Il fato - non gli diamo una specifica connotazione - ha voluto che io entrassi in un take-away di kebab a chiedere se qualcuno avesse bisogno di aiuto con la lingua. Ho lasciato il mio numero ad un ragazzo che poi è diventato il mio ex fidanzato violento ma,...

Continua a leggere su HuffPost